Agrigento, inchiesta Asi: reati prescritti, prosciolto dirigente

Le tre ipotesi di reato di abuso d’ufficio sono prescritte e il giudice Gianfranca Claudia Infantino, presidente del collegio, ha decretato il non luogo a procedersi nei confronti dell’unico imputato rimasto nell’ambito della maxi inchiesta Asi.

Si tratta di Rosario Gibilaro, 64 anni, ex dirigente contabile dell’Ente ormai soppresso. Era accusato, dopo il rinvio a giudizio, di tre ipotesi di abuso d’ufficio.

Una di queste risale al 2009 quando – secondo gli inquirenti – il dirigente avrebbe commissionato e liquidato una fattura di quasi 2 mila euro «in violazione del regolamento e senza che risultasse rilevabile la ragione di effettuare la spesa». Tutti i fatti contestati sono caduti in prescrizione. (Fonte Grandangolo)