Agrigento, il Pronto Soccorso “scoppia”, Castronovo : il personale grida “aiuto”

Pochi medici e lunghe attese al pronto soccorso di Agrigento.

Al pronto soccorso di Agrigento è ormai una prassi. Il reparto di emergenza del San Giovanni di Dio scoppia. A denunciarlo questa volta è stato il consigliere comunale Pd di Favara, Calogero Castronovo.

Castronovo Calogero Consigliere PD Favara«Mentre gli attori della politica  – afferma il consigliere – nelle ultime settimane si sono accapigliati per mettere mano sulla gestione della sanità pubblica in provincia,  il pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento è affidato a solo due medici che devono far fronte a un’utenza dai numeri impressionanti».

Purtroppo non è una novità che i tempi d’attesa siano snervanti. Varcare la soglia di ingresso del pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento equivale, molto spesso, a restare “ostaggio” della struttura in preda all’angoscia, il nervosismo e la psicosi della malattia .

«Tutto ciò – dice Castronovo – mette a rischio la stessa professionalità dei sanitari del pronto soccorso a causa della confusione che si ingenera. Invito, pertanto, chi gestisce le leve del potere a risolvere questi problemi, quotidiani e di vitale importanza per i cittadini, che a fare inutili e sterili polemiche su chi deve gestire la sanità in provincia».

Appena un mese addietro era stato Joseph Zambito, ex assessore al Comune di Favara, oggi attivista 5Stelle, a denunciare tale situazione con un post pubblico. «È inumana la situazione in cui sono costretti a lavorare i medici del pronto soccorso dell’ospedale di Agrigento. Solo due medici per un plotone di pazienti, con una media d’attesa di oltre le tre ore», aveva scritto su Facebook, denunciando pubblicamente le interminabili attese. (DV)