Agrigento, cani randagi trovano rifugio nel presepe di Natale

Il presepe di Piazza Aldo Moro diventa “vivente”. E’ il riparo di due infreddoliti randagi. D’altronde la tradizione del presepe nasce dal disperato tentativo di Maria e Giuseppe di trovare un rifugio per dare alla luce Gesù bambino. E dopo aver trovato molte porte chiuse, senza alcuna proposta di accoglienza, la coppia ha trovato rifugio in una grotta. Lì, vuole la tradizione cristiana, è nato il simbolo dell’Amore. E proprio lì hanno trovato rifugio, insoliti componenti del presepe: due cani randagi, o forse abbandonati, che sono saltati dentro la rappresentazione per ripararsi dal forte freddo che in queste ultime ore si è abbattuto sul capoluogo.