Agrigento, al via la Tassa di soggiorno: ecco le istruzioni per l’uso

Parlano gli albergatori: “Pronti per partire, sappiamo cosa fare”

Ci siamo quasi. Tra poche ore anche nella Città dei Templi i turisti pagheranno la Tassa di soggiorno. Sarà, infatti, applicabile dopo il 15 luglio così come voluto dall’Amministrazione Comunale che ha seguito il parere del Consiglio.

Tre le fasce di pagamento previste: si va da uno a tre euro. Si pagherà un euro in alberghi ad una o due stelle, affittacamere, casa vacanze, residence ed agriturismi, camping e villaggi turistici. Nella seconda fascia, dove si pagherà due euro, rientrano B&B, alberghi e residence a tre stelle. Infine, a far pagare tre euro saranno alberghi a 4 o 5 stelle. Dalla quarta notte di pernottamento si applicherà lo 0,10% delle tariffe previste, decisione approvata a seguito della riunione dello scorso 11 luglio al Dioscuri di San Leone tra gli addetti ai lavori. E c’è già fermento tra gli operatori che stanno facendo i conti anche con la tempistica in vista della novità. Noi abbiamo cercato di capire come si stanno muovendo al loro interno le strutture ricettive e abbiamo raccolto qualche dichiarazione in merito.

Ma sono davvero tutti pronti per applicare la tassa ai turisti ?

Pullara- Hotel Tre TorriIng. Paolo Pullara- Patron Hotel Tre Torri:
Stiamo cercando di rendere tutto trasparente per i nostri clienti. Abbiamo affisso nel nostro hotel, copia del regolamento e la relativa delibera sulla tassa di soggiorno. Abbiamo inoltre pensato di predisporre una “dichiarazione di rifiuto” nel caso in cui qualche nostro cliente dovesse rifiutarsi di pagare l’imposta e magari recensire successivamente, in modo negativo, la nostra affermata struttura alberghiera. I nostri visitatori, che già si trovano nella nostra struttura e vi rimarranno anche oltre il 15, sono stati avvertiti. Chi, invece, ha prenotato molto tempo fa, saprà dell’imposta all’atto del check-in”.

Sciacca- Antica PerlaDott. Antonio Sciacca- Direttore Antica Perla
Noi abbiamo tutto ben chiaro e ci stiamo muovendo anche e principalmente ad informare i nostri clienti che dopo il 15 scatterà la tassa. Dobbiamo aggiornare il portale, ma già via mail, alle prenotazioni dirette, abbiamo reso noto la novità. Alla reception, i nostri fruitori potranno leggere loro stessi il regolamento ufficiale e le relative tariffe. Chi ha già prenotato il pernottamento attraverso il nostro sito, saprà dell’imposta appena giunto da noi. Siamo pronti al tutto, anche ad un possibile rifiuto da parte di qualcuno di pagare la tassa e cercheremo di far mettere nero su bianco le motivazioni per evitare qualche negativa recensione personale che vada a “macchiare” il nostro impegno, il giusto operato e la nostra struttura”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, la Dott. Rossana Iacono-Responsabile Amministrativo Hotel Baia di Ulisse.
Iacono- Hotel Baia di UlisseStiamo provvedendo tempestivamente a curare gli aspetti amministrativi, aggiornare il gestionale. Sarà tutto reso noto, ai nostri clienti, anche attraverso l’esposizione del materiale necessario, come regolamento e tariffario. Nel nostro sito ufficiale già da tempo avevamo prospettato, per le prenotazioni, l’eventualità dell’applicazione della tassa per cui, chi ha scelto la nostra struttura sapeva già di questa eventuale modifica. Comunque, per il check-in, ogni nostro cliente avrà tutti i chiarimenti in merito la tassa nell’assoluta trasparenza che da sempre è la nostra prerogativa”.

Anche le più piccole strutture ricettive dovranno fare i conti con l’applicazione della tassa.
Cinquemani- B&B Templi ed ArteAl B&B Templi e Arte, gestito da Florinda Cinquemani, ci si sta preparando per fornire ai turisti tutte le info necessarie sulla tassa.
Stiamo predisponendo il materiale da esporre ed applicheremo la tassa ai nostri clienti all’atto del pagamento. Naturalmente stiamo lavorando per aggiornare il nostro sito con la novità e permettere così, a chi ci sceglierà, di sapere in anticipo a quanto ammonterà il soggiorno comprensivo di tassa. Speriamo solo di trovare turisti soddisfatti della città, che paghino l’imposta volentieri altrimenti saremo costretti a tassarci noi pur di evitare recensioni negative che vadano a rovinare la nostra positiva media che ci ha portato, per il sito Booking, ad essere i “primi in classifica”, nella zona, in termini appunto di recensioni fornite ai B&B”.

Tutte le strutture ricettive dovranno richiedere user e pass al Comune di Agrigento, per accedere ad un sistema che serve per caricare le presenze. Ogni gestore deve calcolare le somme dovute che andrà a versare al Municipio nelle forme previste: bonifico o bollettino postale. I gestori delle strutture, si augurano infine all’unanimità che i soldi che entreranno al Comune siano spesi per il decoro urbano, il miglioramento dell’offerta turistica e dell’ospitalità generale ad Agrigento in modo tale da avere un rapporto equo tassa-qualità.

La nota del municipio :

La Giunta comunale riduce l’imposta di soggiorno a decorrere
dal quarto giorno di pernottamento.

Il Comune di Agrigento, con provvedimento della Giunta Municipale del 12 luglio scorso, ha deliberato la riduzione delle tariffe relative all’imposta di soggiorno, a partire dal quarto giorno di pernottamento dei turisti nelle strutture ricettive della città.

La Giunta comunale ha ritenuto necessario ridurre il carico dell’imposta per i soggiorni che si protraggono oltre il terzo giorno di pernottamento, al fine di non pregiudicare le forme di turismo stanziale e prendendo in considerazione anche le indicazioni, in merito, emerse durante gli incontri avvenuti con i rappresentanti ed i titolari delle strutture ricettive operanti ad Agrigento.

Le tariffe relative all’imposta di soggiorno a decorrere dal 15 Luglio 2017 risultano pertanto le seguenti:

• Alberghi e Residence turistico alberghieri 1 e 2 stelle e altre strutture ricettive (affittacamere, case e appartamenti per vacanza, residence, agriturismi e case per ferie, camping e villaggi turistici),
€ 1,00 per persona e per numero di pernottamenti per i primi 3 giorni ed € 0,10 per persona e per numero di pernottamenti a partire dal quarto giorno e per l’intera durata del soggiorno.

• Bed & BreaKfast – Alberghi e Residence turistico alberghieri 3 stelle, € 2,00 per persona e per numero di pernottamenti per i primi 3 giorni ed € 0,20 per persona e per numero di pernottamenti a partire dal quarto giorno e per l’intera durata del soggiorno.

• Alberghi e Residence turistico alberghieri 4 e 5 stelle, € 3,00 per persona e per numero dì pernottamenti per i primi 3 giorni ed € 0,30 per persona e per numero di pernottamenti a partire dal quarto giorno e per l’intera durata del soggiorno.