Aggredirono carabinieri dopo posto di blocco: militari confermano accuse in aula

Sono comparsi in aula – davanti al giudice monocratico del Tribunale di Agrigento Gianfranca Infantino – due dei quattro carabinieri aggrediti a Licata nel luglio dello scorso anno da altrettante persone che oggi sono sotto processo.

La vicenda, come detto, risale allo scorso anno quando – secondo l’impianto accusatorio – i carabinieri furono aggrediti dai parenti di un ragazzo a cui era stato intimato l’alt ad un posto di blocco ma che non aveva rispettato. Da lì gli animi diventarono incandescenti. Uno dei protagonisti dell’aggressione, secondo l’accusa, avrebbe anche utilizzato una zappa per scagliarsi contro i militari.

Questi ultimi hanno dovuto chiamare i rinforzi per riportare la calma. Sul banco degli imputati siedono Gioacchino, Michele, Angelo e Giuseppe Florio, tutti di Licata.