A Canicattì il primo Festival “La ricerca dei sapori perduti”

A Canicattì il primo Festival “La ricerca dei sapori perduti”, anche un concorso di cortometraggi per raccontare il territorio attraverso il cib

“La ricerca dei sapori perduti”. E’ il titolo del Primo Festival che si terrà il 31 maggio e l’1 giugno a Canicattì, presso le sale e il cortile del centro
culturale San Domenico. L’iniziativa, ideata da Antonio Cani con la collaborazione di Dora Argento e il sostegno dell’amministrazione
comunale di Canicattì, gode della fattiva collaborazione di CNA Sicilia, CNA Agrigento, Centro Studi Toniolo, Slow Food Sicily, Fai, Consorzio
Pistacchio di Raffadali, Consorzio Igp Uva da Tavola e scuole. Il filo conduttore della due giorni “è raccontare e promuovere il territorio
attraverso il cibo”, una pietanza tipica della tradizione agrigentina e siciliana.

Un format innovativo che popone anche momenti di elevato profilo artistico e culturale con interventi e performance di primo piano. E
si inquadra proprio in questa ottica il concorso “Percorsi Corti” che prevede la presentazione di un cortometraggio, della durata massima di 5
minuti. Riflettori puntati su una ricetta culinaria o un prodotto enogastronomico caratteristico del luogo di provenienza. Il video
selezionato verrà premiato e proiettano nel secondo giorno dell’evento.

Lavalutazione del lavoro prodotto sarà affidata ad una qualificata giuria,guidata dalla scrittrice Simonetta Agnello Hornby, composta da: Gaetano
Savatteri, Nello La Marca, Ezio Ferreri, Pino Cuttaia, Michelangelo Latino, Vincenzo Fontana, Massimo Brucato, Ignazio Vassallo, Giuseppe
Lo Pilato, Mimmo Licata e Antonio Cani.

Il corto va caricato su una piattaforma di sharing (Wetransfert, DropBox, Google Drive in alternativa Youtube o Vimeo) ed inoltrato, tramite link, alla mail percorsicorti@libero.it entro e non oltre il 25 maggio. Per infocontattare il 368 945677.