“5 ore in pista per la vita”, numerosi i partecipanti all’iniziativa

Grande partecipazione all’iniziativa “5 ore in pista per la vita” promossa da Automobil Club Agrigento. L’autodromo “Concordia” ha accolto tanti ragazzi e adulti diversamente abili o con svantaggi sociali che, insieme con i piloti dell’Agrigentino, i quali hanno messo a disposizione le proprie auto, hanno compiuto dei giri in pista. Una giornata dedicata alla mobilità sicura, sostenibile e inclusiva che sottolinea l’importanza di osservare le regole tanto in pista, quanto sulla strada.  È anche stata una giornata ricca di emozioni, culminate con la consegna di una targa che la Presidenza del Senato della Repubblica ha conferito ad Ac Agrigento “per lo spirito e l’impegno che hanno contraddistinto la realizzazione di una bella iniziativa di partecipazione, amicizia e sicurezza – scrive Ignazio La Russa, presidente del Senato – Sono certo che le emozioni di questa giornata, così come i suoi momenti di riflessione e confronto sapranno tradursi, soprattutto per i tanti giovani coinvolti, in un prezioso percorso di valori e consapevolezze”.

“Finalmente dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia da Covid – afferma Salvatore Bellanca, presidente Ac Agrigento – abbiamo voluto riproporre “5 ore in pista per la vita”, una manifestazione cui sono molto legato così come tutta l’Ac di Agrigento, che ha ricevuto anche le congratulazioni da parte del presidente del Senato, Ignazio La Russa, e di Aci Italia Sticchi. Due istituzioni così autorevoli che guardano con attenzione a “5 ore in pista per la vita” è per noi
un motivo di grande orgoglio. Ringrazio i ragazzi che hanno partecipato e i piloti agrigentini che hanno messo a disposizione le loro auto da corsa regalando un sorriso a tutti. Le emozioni che si provano a vedere lo sguardo di questi ragazzi ci ripagano di tutto il lavoro fatto. Aci è in campo ogni giorno per tutelare anche i diritti dei disabili lungo la strada. Noi lanciamo un messaggio di speranza, inclusione e contro ogni diseguaglianza sociale”.

È stata una giornata piena di soddisfazione – aggiunge Giuseppina Danile, direttore Ac Agrigento – La nostra più grande soddisfazione è vedere il sorriso e l’entusiasmo negli occhi di persone che hanno difficoltà nella vita che riescono comunque a superare. Il nostro obiettivo è di impartire le prime regole di base dell’educazione stradale spiegando loro che sia in pista, sia in strada, bisogna rispettare le regole”.

“Che quella di oggi sia stata una giornata importante per tutti coloro che hanno partecipato lo si capisce dagli sguardi, dalle emozioni, dai momenti che certamente ognuno porterà con sé come esperienza di vita – dichiara Maria Antonietta Testone, dirigente del Libero consorzio comunale di Agrigento – Il Libero consorzio, con il suo commissario straordinario Raffaele Sanzo, ha voluto sostenere questa iniziativa perché è necessario che di diritti dei disabili si parli maggiormente e si possa avviare un percorso di eliminare dalle nostre città tutte le barriere che oggi non gli permettono di goderne”.

“È una bella giornata – commenta il sindaco Miccichè – Ringrazio Aci Italia e Ac Agrigento, con il suo presidente Salvatore Bellanca, perché è sempre in prima linea e al nostro fianco per iniziative che riguardano la sicurezza stradale e anche per la solidarietà espressa anche con iniziative come quella di oggi. Avvicinare i disabili al mondo dello sport e a quello dei motori è molto importante anche per il loro sviluppo psicofisico. Ecco perché è fondamentale sostenere e svolgere attività come questa”.

Dopo i giri in pista a fianco dei piloti, gli intervenuti hanno pranzato insieme e, subito dopo, partecipato alla cerimonia di premiazione durante la quale il presidente Salvatore Bellanca ha conferito una targa ricordo a ciascuno dei partecipanti.