Voto Sicilia: nell’Agrigentino ballottaggi in centri piu’ grossi

Nei tre centri piu’ grossi dell’Agrigentino si profilano ballottaggi nel voto amministrativo. A Favara rimane l’ipotesi secondo turno tra Antonio Palumbo (candidato del centro sinistra con l’appoggio del M5s) e Salvatore Montaperto, sostenuto da una parte del centrodestra (6256 il primo, 5617 il secondo), mentre a Porto Empedocle Calogero Martello resta saldamente al primo posto con oltre 1640 voti seguito a 1594 voti da Salvo Iacono. A Canicatti’ il ballottaggio sembra ormai tracciato tra Vincenzo Corbo, ex sindaco per due legislature, e il giornalista Cesare Sciabarra’. In tre dei sei comuni sotto i 10.000 abitanti e’ battaglia all’ultimo voto in alcuni casi mentre in altri si cominciano a delineare nomi e profili di chi li guidera’. San Biagio Platani, Montallegro e Montevago sono tutti centri dove non e’ previsto il ballottaggio. Il commercialista Salvo Di Bennardo, con un ristrettissimo margine, ha superato Michele Di Piazza a San Biagio Platani, ma al momento non si festeggia nel comune sciolto per mafia perche’ la differenza e’ di appena 70 voti e sono in corso le operazioni di verifica. A Montevago si va verso il Margherita La Rocca Ruvolo bis. Ad annunciarlo e’ stata la stessa sindaca, nonche’ deputato regionale, sui social quando mancano ormai una manciata di voti. A Montallegro Giovanni Cirillo l’ha spuntata su Andrea Iati’.