Da Milano emigra nella città dei Templi. Laura: “La Sicilia mi ha conquistata” (VIDEO)

Storie di emigrazione al contrario, Laura Sarti da Milano in Sicilia per vivere meglio. 

Di Domenico Vecchio 

Laureata in Architettura ha collaborato con il Politecnico di Milano per circa 15 anni, poi una vacanza in Sicilia, ha conosciuto Agrigento, ed ecco la svolta. Ha deciso di cambiare vita, la sua è una storia di emigrazione al contrario. Laura Sarti prende casa a San Leone e adesso lavora al Giardino della Kolymbetra e continua ad insegnare.

Laura raccontaci

Dopo la laurea in Architettura sono entrata all’Università di Milano come assistente del docente titolare di cattedra, in particolare mi occupavo di seguire gli studenti nei laboratori, nella realizzazione dei loro lavori e, in casi particolari, nella redazione delle tesi. il famoso co-relatore insomma.

Dopo cosa è successo? 

La vita universitaria mi ha permesso di coltivare un’altra mia passione, e così quasi in contemporanea ho collaborato per un quinquennio anche con l’Università statale di Milano come catalogatrice nelle biblioteche. Poi la vita è bizzarra, ho dovuto lasciare tutto per seguire la crescita dei miei tre figli adolescenti.

Sono stati loro a condurti in Sicilia?

Sono capitata per caso in Sicilia un’estate con le mie due figlie: una vacanza breve di quindici giorni ormai dieci anni fa. Ho sempre amato il mare, se mi avessero chiesto quale sogno avrei voluto realizzare, avrei risposto abitare al mare. Ma più per scherzo che altro. Sono nata a Milano, vi ho sempre vissuto e mai avrei pensato di lasciarla.

Ed invece?

La Sicilia mi ha catturata. Sono tornata per le vacanze, allungandole sempre un po’ e sentendomi sempre più a casa qui che a Milano. Che dire, quando mi chiedono cosa mi ha colpito della Sicilia comincio sempre dai colori, la luce, la temperatura e poi c’è tutto qui, e i Siciliano spesso lo dimenticano.

Il trasferimento?

Un giorno è scattato qualcosa.  Non vivevo più a Milano e non vivevo ancora qua: ero sradicata. Milano è meravigliosa ma difficile da vivere: corre sempre, devi essere produttivo altrimenti sparisci ma, nella mia esperienza, non ti offre opportunità se non sei più giovane. Così ho meditato di prendere una decisione.

Poi gli amici hanno fatto il resto, mi hanno aiutata a trovare una collocazione a San Leone, vicino al mare. 

E i tuoi figli?

I miei figli ormai sono adulti, vivono nelle tre più belle città d’Italia per me: Milano, Roma e Firenze. Decidere di trasferirmi è stato il passo che mi ha consentito di guardarmi in giro: volevo tornare a lavorare, e mi è stata offerta un’opportunità: tornare ad interagire con i ragazzi, insegnare a Euroform.

Ma non solo questo?

Ho iniziato a collaborare come volontaria alla Kolymbethra, l’unico bene FAI in Sicilia. Nella vita accademica mi sono sempre occupata di verde, parchi e paesaggio, è stato abbastanza naturale tornare alle origini. Ho iniziato come collaboratrice alla ricezione dei turisti, poi come collaboratrice ai laboratori per le scuole, infine anche qui, mi è stata offerta un’opportunità: inventarmi un nuovo lavoro, la gestione del negozio. Vendiamo e spediamo in tutta Italia prodotti del Giardino, della Valle e della provincia.

La tua è una storia di emigrazione al contrario quindi?

Per me la Sicilia è stata mi ripeto l’opportunità di ricominciare reinventandomi. Certo ci sono cose che non comprendo della Sicilia e dei Siciliani, mi mancano alcune cose del “Nord”, ma ritengo sia molto bello vivere qui, forse perché con l’età cambiano i ritmi, le priorità e si apprezzano altri valori.  Dimenticavo, vivo stabilmente in Sicilia dal 2018 ed ho intenzione di rimanerci.

Molti mi scrivono di aver trovato la forza di cambiare vita, di voler lasciare un lavoro che non amano e di voler seguire con forza una loro grande passione. Questa rubrica mi ha già dato l’occasione di conoscere persone fantastiche ed eccone un altro. Se avete una storia da raccontare, non siete mai partiti e avete deciso di vivere qui o se qui siete tornati dopo un’esperienza altrove, contattateci su whatsapp, saremo felici di raccontarlo. 

Domenico VecchioSu Facebook:  https://www.facebook.com/Direttore.AgrigentoOggi

Leggi anche: Molla Roma per tornare in Sicilia: qui c’è lavoro e qualità della vita (VIDEO)  

Dal centro di Milano al centro di Agrigento, l’emigrazione al contrario .  

“Si resti arrinesci” la rubrica di chi dice no all’emigrazione e resta per lottare (VIDEO)

“Ho lasciato un posto in banca per tornare in Sicilia” VIDEO