Tenta di rubare all’interno di un’abitazione, arrestato trentenne

Sorpreso all’interno di un’abitazione pronto per perpetrare un furto. Ma per sua sfortuna qualcuno ha avvisato il 112, e i poliziotti della sezione Volanti del Commissariato di Canicattì, lo hanno bloccato e arrestato, in flagranza di reato, con l’accusa di tentato furto aggravato. A finire nei guai C.L., trentenne di Canicattì.

Tutto quanto la notte tra venerdì e sabato. Gli agenti, avvisati da una telefonata alla sala operativa, sono accorsi in uno stabile nel centro abitato di Canicattì, dopo avere ricevuto la segnalazione di una persona sospetta all’interno di un appartamento.

I poliziotti, diretti dal dirigente Cesare Castelli, al loro arrivo hanno constatato che una finestra un’effrazione da scasso, al primo piano di una palazzina, e una volta fatta irruzione hanno trovato il trentenne, già destinatario dell’avviso orale da parte del Questore, all’interno di un’abitazione.

Il Pubblico ministero, nell’attesa dell’udienza di convalida, lo aveva posto agli arresti domiciliari. Il Gip del Tribunale di Agrigento, dopo aver convalidato l’arresto, ha applicato la misura cautelare dell’obbligo di firma, per tre volte alla settimana.