Sorpresi a fumare crack davanti a minore, due giovani rinviati a giudizio

Sorpresi a fumare crack, con una bottiglia di plastica modificata, in auto insieme a una ragazzina di 17 anni.
Il Gup del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha disposto il rinvio a giudizio di Carmelo Carlino, 26 anni, e Giuseppe Marino, 19 anni, entrambi di Canicattì. Accolta la richiesta del pubblico ministero Chiara Bisso.

I due imputati sono accusati di detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Carlino e Marino sono difesi dagli avvocati Calogero Lo Giudice e Giovanni Salvaggio. La prima udienza dell’approfondimento dibattimentale è stata fissata per il 13 gennaio davanti al giudice monocratico Giuseppa Zampino.