La Siculiana di Santino Lucia ? Turistica e culturale

Anche Siculiana si prepara alle consultazioni amministrative. Due al momento le candidature ufficiali a sindaco del comune agrigentino: a Gerlando Zuppardo che punta ad aggregare le forze di sinistra, si contrappone Santino Lucia, del movimento politico «Noi ci siamo», espressione di una vasta platea di cittadini di Siculiana. Lucia propone un progetto di miglioramento e di crescita per la cittadinanza siculianese in occasione delle prossime elezioni comunali.

«Puntiamo, tra le altre cose – dice – allo sviluppo turistico che Siculiana merita, non dimentichiamo che oltre a percorsi culturali di tutto rispetto, nel nostro territorio ci sono spiagge meravigliose che vanno valorizzate, non solo Siculiana Marina, ma anche la vastissima riserva naturale di Torre Salsa, una spiaggia caraibica a pochi chilometri dalla Valle dei Templi».

Dice Santino Lucia, classe 69 dipendente del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, con una collaudata esperienza politica, avendo ricoperto le cariche di consigliere comunale, di vice sindaco e di presidente del consiglio comunale in diverse consiliature. Lucia, già presidente del comitato di gestione dell’I.N.P.S., attualmente ricopre l’incarico di componente dello stesso organo.

Un progetto che, partendo da iniziative concrete e dalle buone prassi amministrative elaborate in questi ultimi anni, intende contribuire ad un rinascimento politico e sociale. A tale scopo, il gruppo dirigente ed i componenti del movimento «Noi ci siamo», hanno individuato in lui il candidato al ruolo di Sindaco per le prossime elezioni. A Santino Lucia, scrivono in una nota gli esponenti del gruppo – si devono alcune iniziative di successo quali «Siculiana città degli sposi» e «Siculiana e cultura».

Vicini alle posizioni del movimento, si dicono, gruppi di politica attiva e tantissima gente che ha già manifestato il proprio sostegno all’iniziativa. Santo Lucia che si è detto disponibile a guidare un progetto politico all’insegna della trasparenza, dell’onestà e del miglioramento, tiene a sottolineare che tali connotazioni hanno già caratterizzato la condotta del movimento, assicurando un metodo democratico e partecipativo sin dal 2015.

Fanne sapere inoltre, che con l’approssimarsi del termine ultimo per la formazione delle liste elettorali, un lavoro di dialogo e di confronto sarà avviato assieme alle altre rappresentanze civiche politicamente attive sul territorio, con l’obbiettivo di convergere su tutti i punti del programma che dovranno rappresentare i cardini dello sviluppo nel territorio.