Si presenta a Campobello Sud del Sud, libro di Alan David Scifo

Si presenta a Campobello Sud del Sud, libro di Alan David Scifo. L’appuntamento è per mercoledì 21 agosto, alle ore 19:30, nel cortile del Comune. Ad moderare l’evento organizzato dal Comune di Campobello, sarà il giornalista Davide Lorenzano. Parteciperà alla presentazione anche il primo cittadino del paese, Giovanni Picone. Il testo rappresenta una raccolta di inchieste giornalistiche che riguardano la provincia di Agrigento. «Per molti anni in queste terre le varie amministrazioni comunali ripetono che “si può vivere di turismo” – spiega l’autore – questo non accade. Accade invece che la Fondazione Leonardo Sciascia di Racalmuto conta circa mille visitatori all’anno, ma all’interno raccoglie 14 mila lettere mai lette che personaggi politici, mafiosi, personaggi dello spettacolo scrivevano all’autore. Nelle terra che può vivere di solo turismo – continua Alan David Scifo – anche le miniere di Pirandello, ad Aragona, sono oggi chiusi, dopo il finanziamento di un milione di euro per il restauro. Le stesse miniere che dovevano diventare siti turistici, oggi invece rappresentano delle bombe ecologiche che ammorbano l’aria e l’acqua di tanti paesi della provincia, causando diversi casi di tumore, un “male” che oggi i cittadini hanno paura a nominare. Nelle terre del sud anche la mafia continua ad esercitare la sua pressione, colmando il vuoto lasciato dalle amministrazioni, come accade a Camastra, nella vicenda di Vincenzo De Marco. Sud del Sud scava dentro questi problemi, compreso anche il caso dei beni confiscati alla mafia, il problema del randagismo, affinché proprio le pagine del libro siano da sprone per cambiare le cose». La presentazione precede la conferenza che si terrà giovedì 22 agosto ad Aragona, che vedrà discutere l’autore di Sud del Sud con Alessandro Cacciato, autore de “Il Sud vola”. Argomento della giornata, nella conferenza moderata dal giornalista Luigi Mula, sarà quello della rigenerazione urbana e della nuova vita dei paesi agrigentini che subiscono lo spopolamento.