Serie C, arduo lavoro per trovare squadre. Due dalla A nel girone nord ma in quello C è caos

Molti club con l’acqua alla gola. Arrivano due seconde squadre di club di A. Giovedì 16 i pareri Covisoc

La Serie C è sempre più che mai una polveriera in estate con club alla ricerca di soldi per iscriversi al campionato e altri ormai con l’acqua alla gola. Come riporta oggi la Gazzetta dello Sport, a stare peggio sono Lucchese e Reggiana, ma si va verso una rinuncia volontaria anche per tre del Girone C: Fidelis Andria, Juve Stabia e Trapani. I siciliani sperano che qualche imprenditore rilevi il club prima che sia troppo tardi: Rinaldo Sagramola (ex Palermo) e una cordata napoletana hanno mostrato interesse ma intanto il tempo passa e qualche giocatore ha fatto le valigie. Il rischio è che ci sarà una fuga di massa. Intanto la Lega Pro deve fare i conti con la ricomposizione dei gironi. Un posto è libero per l’unione tra Bassano e Vicenza, un altro per la rinuncia del Mestre, un altro lo lascerà la Ternana se sarà ripescata in B. Quindi per completare l’organico della C potrebbero servire parecchi ripescaggi e al momento solo 5 sarebbero pronti: due seconde squadre (Juve e Milan: si sa il 27), una retrocessa (Prato), due dalla D (Cavese e Como). Se non bastano si spera in un’altra squadra B (Roma?) e in altre della D (Imolese). I tempi sono lunghi: giovedì ci sono i pareri Covisoc, fino al 16 si potranno fare i ricorsi e la Figc sembra disposta ad aspettare i primi di agosto per decidere, si spera in via definitiva e senza altre code.

Fonte ITASportPress