Sciacca: Giuseppe Caruana nuovo presidente di ConfCommercio

Si è svolta Lunedì 31 Luglio, presso i locali della Delegazione Comunale di Confcommercio Sciacca, in Via F.lli Bellanca, 11, l’Assemblea Generale degli associati Confcommercio del Comune di Sciacca, dove sono stati rinnovati i vertici della locale Delegazione. L’assemblea è stata presieduta dal Presidente Provinciale Francesco Picarella, assistito dal Direttore Vincenzo Cipolla.

Presidente della Delegazione Confcommercio Saccense è stato eletto Giuseppe Caruana titolare della  “G&M Gioielli”, noto imprenditore nel settore dei preziosi e Presidente del Consorzio Corallo Sciacca, già componente di Giunta Provinciale e Presidente Provinciale Federpreziosi-Confcommercio.

Oltre al Presidente Caruana sono stati eletti i componenti del nuovo Consiglio Direttivo: Vice Presidente Maria Cristina Salvato della AMES

SRL del settore Edilizia; Caterina Di Nica del Melqart Hotel e Giuseppe Scichilone per l’Agenzia Vittoria Assicurazioni.

Il Presidente Provinciale Francesco Picarella ed il neo Presidente Giuseppe Caruana hanno voluto ringraziare in particolar modo il Presidente uscente Avv. Gianluca Guardino, per l’importante lavoro  svolto negli ultimi anni in favore delle categorie economiche saccensi.

Assumo questo incarico – ha dichiarato il Presidente Caruana – consapevole della difficoltà di riportare credibilità all’azione dell’associazionismo di categoria prestigioso di Confcommercio, a cui sono associato da molti anni ed a cui, seppur a fasi alterne, ho dato sempre il mio apporto da associato. Punteremo con il nuovo Direttivo a ridare il giusto valore alla singola impresa-saracinesca dietro la quale vi sono uomini e donne che spesso sacrificano e vivono la loro vita all’interno delle proprie attività. Se i negozi di vicinato chiudono e la mia via si desertifica, avremo meno presidio e, di conseguenza, minor sicurezza e socialità sulla strada, con conseguente riduzione del valore immobiliare delle abitazioni e degli stessi immobili commerciali. Tutti elementi, questi, che non devono in alcun modo essere tralasciati, e che restituiscono il vero valore delle piccole e micro imprese spesso a conduzione familiare. Un valore che è sociale, prima ancora che economico. Non può esistere la definizione di quartiere o centro storico senza saracinesche alzate e luci accese, senza i servizi che tali esercizi offrono.…questo valore va difeso e tutelato. Invito tutti gli associati alla partecipazione delle assemblee poco frequentate ed invito tutti coloro che associati non sono a verificarne l’opportunità di associarsi. A giorni faremo un’assemblea allargata a tutti coloro, commercianti e altre imprese, che vorranno partecipare sul tema dell’acqua, del decoro urbano e della sosta selvaggia con alcune idee già in cantiere”