Salme in attesa di sepoltura : a deposito da oltre un mese

Cittadini aspettano da oltre un mese la degna sepoltura di un congiunto.

Tutto bloccato da un contenzioso tra Municipio e gestore. Ci sono soluzioni tampone. L’assessore : lavoriamo per assicurare degna sepoltura a tutti.

 

Salme in attesa di essere tumulate, bare “parcheggiate” in un vano dove tutti possono vederle. Per non parlare poi di opere mai completate, giardini mai curati, un senso di abbandono generale. Il cimitero di Piano Gatta vive forse il suo momento più difficile. La denuncia arriva da un cittadino di Agrigento, che oltre il dolore di aver perso il papà aspetta dal 23 gennaio la degna sepoltura .

Sono tante le salme che attendono una sepoltura dignitosa. Ma le tumulazioni procedono a rilento. I dati si rincorrono, è incredibile che in una città che si reputa civile si assista a queste vicende, se continua così sono disposto ad incatenarmi ad un palo per far sentire la mia protesta“.

E’ lo sfogo di un lettore che ha fatto istanze e  sentire le sue ragioni negli uffici competenti.

Tra lentezze burocratiche, sequestri di tombe e lavori fatti solo su carta, però, il cimitero adesso necessita di una svolta.

Ne siamo a conoscenza che le tumulazioni sono lente – afferma l’Assessore Gabriella Battaglia – i problemi legati al cimitero vanno avanti da troppo tempo, esiste un’ordinanza pubblicata sul sito del municipio che invito ad andare a leggere. Stiamo lavorando per risolvere il problema, al momento siamo anche in attesa di una sentenza del Tar che dovrebbe arrivare il 27 marzo. Nonostante le problematiche stiamo lavorando per dare degna sepoltura a tutti”.

In pratica esiste un contenzioso tra la ditta che gestiva il cimitero ed il Municipio. Il settore sesto del Comune ha emanato un’ordinanza dirigenziale dove si intima il vecchio gestore a lasciare i locali. Secondo il Municipio il contratto di gestione a privati è sospeso, perché la ditta non avrebbe i requisiti e si attende appunto il risultato del ricorso al Tar.

Al cimitero mancano attualmente i loculi per assicurare la sepoltura a tutti. Sul tavolo degli uffici tecnici, c’è una soluzione, diciamo tampone, per arginare almeno per il momento il problema del sovraffollamento, cioè si sta provvedendo alla gara di appalto per la realizzazione di nuovi duecento loculi prefabbricati.

LEGGI ANCHE: Salme in attesa di sepoltura da mesi, la società: “Municipio in silenzio da oltre 3 anni”