Per la Fortitudo una sfida dal sapore antico contro la Viola Reggio Calabria

Sfida che evoca il recente passato per la Fortitudo Agrigento. Domenica, infatti, i biancazzurri scenderanno sul parquet del PalaCalafiore di Reggio Calabria per l’ottavo turno del campionato di B di pallacanestro (palla a due alle 18) contro la gloriosa Viola. Le due compagini tornano a sfidarsi dopo una parentesi di quattro anni.Correva la stagione 2017/18, Fortitudo Agrigento e Viola Reggio Calabria militavano in A2; dal doppio confronto in regular season, i biancazzurri uscirono sempre sconfitti perdendo in maniera perentoria fuori casa 96 a 64 e cedendo anche al PalaMoncada 86 a 88 al termine di una gara bellissima e intensa. Da allora i destini delle due società si sono divisi: Agrigento ha disputato la seconda serie nazionale fino al 2020 scegliendo poi di autoretrocedersi in B; la Viola, proprio al termine della stagione 2017/18, venne retrocessa d’ufficio a seguito dello scandalo legato a una falsa fideiussione. Adesso si apre un nuovo capitolo tra due società che puntano a ritornare, a breve, nel basket che conta. Ad ogni modo, l’impegno contro i nero-arancio – vittoriosi in tre delle ultime quattro partite disputate e al nono posto in classifica a quota 8 punti – è di quelli insidiosi. Nel roster agli ordini del coach Domenico Bolignano spiccano ottime individualità inserite in un’eccellente organizzazione di gioco in grado di impensierire chiunque. In particolare, l’ala italo-brasiliana classe ’93 Bruno Duranti, giocatore di grande atletismo e molto forte nell’uno contro uno (quasi 17 punti di media), e il play bosniaco classe ’96 Amar Balic (15.4 di media). I numeri evidenziano, altresì, l’ottavo attacco del girone (75.7 punti di media realizzati) e la quinta difesa (71.1 di media incassati). Probabilestarting five: Balic, Ingrosso, Duranti, Gaetano, Fall.