Pd esce dall’aula , fumata nera sul presidente dell’Ars

Elezione presidente Ars, fumata nera alla prima votazione: Pd esce dall’aula.

Fumata nera nella prima votazione per l’elezione del presidente dell’Ars. Gianfranco Miccichè, il nome indicato dal centrodestra, ha ottenuto solo 33 voti sui 35 su cui oggi poteva contare.

Il voto era a scrutinio segreto e nella maggioranza qualcuno ha indicato Riccardo Savona. Bianca un’altra scheda. I Cinque Stelle hanno votato per ciascuno dei deputati ma Sergio Tancredi ha ottenuto a sorpresa un voto in più rispetto al numero di parlamentari.

Claudio Fava potrebbe aver lasciato la scheda bianca o votato per Tancredi. In tutto sono stati 56 i votanti ma servivano 47 voti. La maggioranza poteva contare oggi su 35 deputati e non 36 per l’assenza di Pippo Gennuso a causa di un grave lutto.

Ripartono le votazioni. Il Pd continua a non partecipare alle votazioni, segno che ancora manca un accordo. Per Miccichè l’elezione resta ancora tutta in salita.

Partecipano alle votazioni Nicola D’Agostino, uno dei due deputati di Sicilia Futura e anche Edy Tamajo partecipa alla votazione. Per Miccichè i voti dovrebbero salire adesso a 35 ai quali potrebbero aggiungersi quelli dei franchi tiratori. Possibile dunque una svolta.