Olimpiadi di Italiano, nella classifica agrigentina ai primi posti alunni del Politi

Concluse le semifinali 2021 delle “Olimpiadi di Italiano“, la competizione individuale inserita nel Programma annuale “Valorizzazione Eccellenze” del MIUR. Nessun alunno agrigentino vola alle nazionali, ma da registrare è l’ottimo risultato portato ugualmente a casa dai concorrenti del Liceo Scientifico Politi di Agrigento. A livello locale, due giovani dell’Istituto hanno infatti conquistato il primo posto.

Si tratta di Marco Vinciguerra e Francesco Iacono, che hanno concorso rispettivamente per le categorie Junior e Senior ottenendo il migliore risultato. Sul “podio” agrigentino, al secondo posto, anche l’alunno Luca Gambino del triennio e dunque categoria Senior.

Non male anche il risultato degli altri alunni come Lavinia Infantino e Lorena Lorenzano che per i Junior si sono attestate al quarto e quinto posto e Giuseppe Maria Casà arrivato quinto invece per i Senior.

A livello regionale la scalata è stata alquanto difficile ma, nonostante la mole dei partecipanti, i ragazzi del Politi ce l’hanno messa davvero tutta.

Iacono, Gambino e Casà in posizione 11, 16 e 49 della classifica della loro categoria, mentre Vinciguerra al 13esimo posto Junior.

Soddisfazione viene espressa, tra gli altri, dalla Dirigente Santa Ferrantelli che a nome dell’intero Istituto si congratula anche con questi validi e meritevoli alunni.

Un bellissimo risultato- ha dichiarato- che conferma lo stile della nostra scuola e la professionalità dei docenti il cui obiettivo è quello di dare solide basi per affrontare un percorso di vita ricco di soddisfazioni. Ho sempre sposato e portato avanti iniziative di questo genere- ha continuato Ferrantelli– per l’arricchimento formativo degli alunni che, non solo in questa occasione, si sono sempre distinti. Sono orgogliosa di tutti loro. Tutto questo ci dà la giusta carica per proseguire e fare sempre meglio e chissà che un giorno qualcuno dei nostri allievi raggiunga ancora più alti livelli. Un ringraziamento alla referente che ha dato grande input agli alunni motivandoli e seguendo tutto in maniera perfetta e con entusiasmo”, ha concluso.

E proprio quest’ultima, la Prof.ssa Donatella Sanfilippo, dal canto suo esprime anche soddisfazione e approvazione per il risultato conseguito. Secondo la docente, “i ragazzi si sono mostrati molto contenti ed emozionati di partecipare ad una “sana” competizione come le Olimpiadi di Italiano”.

Un’occasione per acquisire padronanza testuale della lingua e un momento di confronto che permette di valorizzare le eccellenze e le potenzialità. C’è stata tanta correttezza da parte loro nonostante fossero in Dad– ha proseguito- ed il tutto si è svolto in una gara che ha proposto inoltre testi interessanti di autori locali come Camilleri, per un sapere non solo scolastico ma pure globale e complesso”.