Note anonime contro l’assessore Gabriella Battaglia

A seguito di alcune note anonime pervenute nelle ultime ore presso gli Uffici comunali, dal tenore denigratorio, l’assessore comunale Gabriella Battaglia ha presentato formale denuncia alla Questura di Agrigento presso gli uffici della Digos.

Nelle stesse ore anche il candidato sindaco Franco Miccichè ha denunciato un’azione denigratoria nei suoi confronti. Miccichè lamenta il fatto che una foto manipolata che punta ad offenderlo è stata messa in giro sul web.

Leggi anche: Denuncia del candidato sindaco Franco Miccichè: in giro immagini manipolate

 

Solidarietà e vicinanza all’assessore Battaglia perché anche quella verbale è violenza

 

La notizia diffusa oggi circa alcune note anonime, dal tenore denigratorio, che sono pervenute nelle ultime ore presso gli Uffici comunali, avendo come destinataria l’assessore comunale Gabriella Battaglia è un evento doppiamente grave perché si manifesta proprio nella data in cui ricorre la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
Si tratta di messaggi non solo vili perché celati dietro l’anonimato ma gravi per il probabile intento di intimidire un assessore che in quanto donna si ritiene più fragile.
Sono gesti squallidi che vanno respinti e che non vanno sottovalutati dalle forze dell’ordine che sicuramente, dopo la denuncia, procederanno con zelo a definire i contorni della vicenda.
Anche se fosse il gesto di un buontempone l’episodio va condannato con fermezza per la forma e per il bersaglio scelto, che oggi assume un particolare segno di disprezzo verso l’intero genere femminile. All’assessore Gabriella Battaglia va la più piena solidarietà e i migliori auguri di buon lavoro.