Nota stampa UIL Acquisto, Bellia e Speziale: “Sulle condizioni del Carcere Petrusa

Nota stampa UIL Acquisto, Bellia e Speziale: “Sulle condizioni del Carcere Petrusa bisogna intervenire, situazione al limite del sopportabile. Il Ministero della Giustizia impegni urgentemente fondi e mezzi a sostegno della Polizia Penitenziaria”

Acquisto, Bellia e Speziale: “Sulle condizioni del Carcere Petrusa bisogna intervenire, situazione al limite del sopportabile. Il Ministero della Giustizia impegni urgentemente fondi e mezzi a sostegno della Polizia Penitenziaria”

Dopo l’esame congiunto, svoltosi in data odierna  con la Direzione del Carcere Agrigentino, si riscontrano parecchie criticità ed innumerevoli problematiche che interessano l’attività di polizia e l’attuale sovraffollamento che insiste presso la struttura Carceraria di Agrigento.

Sulle precarie condizioni generali del Carcere Petrusa di Agrigento interviene ancora una volta la Uil C.S.T. Provinciale, con  Gero Acquisto,  Linda Bellia e Lillo Speziale, che denunciano la situazione irragionevole in cui vivono gli operatori della polizia penitenziaria ed il deficit generale in cui versa l’importante penitenziario Agrigentino.

I tre sindacalisti continuano: “La situazione purtroppo rimane invariata  per ciò che concerne la vivibilità, i servizi e la considerevole carenza di Personale della polizia penitenziaria. Tutto ciò si riverbera negativamente sull’intera attività del personale di polizia, che per garantire sicurezza e operatività ha bisogno di nuovi strumenti tecnologici ed interventi a sostegno della struttura carceraria. Inoltre, è necessario  un ammodernamento della struttura con sistemi di sicurezza più adeguati ed una più specifica videosorveglianza con sistemi di protezione della Struttura. Sarebbe così consentito un recupero di risorse umane  da impiegare in   attività di controllo e prevenzione e nella  movimentazione giornaliera  dell’utenza detentiva. In una struttura vecchia di 30 anni la mancanza di risorse umane e  finanziarie rende quasi impossibile  l’esecuzione e lo svolgimento di un servizio capillare da parte degli stessi operatori di polizia.

Per questo, chiediamo ancora una volta al Ministero della Giustizia, al D.A.P. e alle Istituzioni presenti sul Territorio, l’urgenza di adeguare la struttura Penitenziaria di Agrigento e di dotare di mezzi e strumenti il personale,  garantendo un grado si sicurezza più elevato che restituisca dignità ai lavoratori, a garanzia dei diritti soggettivi loro spettanti. Urge far uscire da questa crisi l’intero sistema Carcerario Agrigentino, così come rilevato mesi addietro dalla Corte d’Appello di Palermo. Tra l’altro, come è noto, il problema del sovraffollamento Carcerario nel nostro Paese ed il mancato rispetto delle direttive Comunitarie,  hanno comportato negli anni condanne pecuniarie al Governo Nazionale e  gravi danni al sistema tutto.

La Uil chiede che si apra urgentemente  un tavolo di trattativa  per superare le criticità rilevate, riservandosi eventuali altre azioni a sostegno di tutto il Personale.