Mercato del lavoro e offerte: ecco i settori più in crescita negli ultimi mesi

Dal turismo alla cultura, dall’agricoltura alla ristorazione, la crisi pandemica ha contribuito a rallentare la maggior parte dei settori produttivi, innescando ricadute molto importanti soprattutto sul mercato del lavoro. Tuttavia, sono diversi i comparti che hanno saputo trovare nel Covid un’opportunità, fruendo di una crescita che, in alcuni particolari casi, ha registrato numeri da record.

Più nel dettaglio, complici la digitalizzazione e le politiche aziendali che hanno saputo tener testa all’emergenza sanitaria, il mondo del lavoro, pur rallentando, non si è arenato del tutto, così come dimostrano i numerosissimi annunci online pubblicati ogni giorno dalle più importanti realtà produttive. Una serie di proposte che, a dispetto delle previsioni, sembrano coinvolgere tanto le città del nord quanto quelle del sud del Paese.

Tra queste ultime c’è anche Catania, che, contrariamente alle attese, oggi è tra le realtà della Sicilia maggiormente interessate da una valida proposta sul piano occupazionale. Per avere un’idea più chiara del fenomeno, basta guardare alle offerte di lavoro a Catania disponibili su portali come Adecco, dov’è possibile trovare diverse opportunità riservate sia ai giovani sia ai meno giovani. Le proposte, naturalmente, arrivano dai settori in crescita negli ultimi mesi, in linea a una tendenza che, seppur con le dovute differenze, sembra aver interessato tutto il Paese.

Settori in crescita: le performance dei settori digitali

Per tracciare un quadro preciso di quei comparti che hanno registrato risultati positivi in termini di sviluppo, Assolavoro Datalab ha analizzato le principali offerte di impiego pubblicate sul web nel corso degli ultimi mesi. 

L’osservazione, divisa in tre studi al variare dei livelli di qualifica richiesti, ha fatto luce su un risultato già facilmente intuibile, che vede le competenze digitali tra i requisiti più apprezzati dalle aziende.

In particolare, non sorprende scoprire che il commercio virtuale è uno dei settori ad elevata qualifica che sembra essersi distinto maggiormente nella ricerca di personal. Le vendite sul web, infatti, nell’arco degli ultimi due anni, hanno macinato numeri da record, trasportando in una nuova era virtuale non soltanto i colossi dell’e-commerce, ma anche quelle realtà fino a poco tempo fa certe di non poter trarre alcun beneficio dalla loro presenza online. Il profilo più richiesto è quello dello specialista nelle vendite digitali, con lo scopo di diventare incisivi in un mercato altamente competitivo.

Ma a detenere uno dei risultati più interessanti, in termini di crescita e digitale, è soprattutto il settore informatico, che ha visto aumentare la richiesta di:

  • Programmatori;
  • Ingegneri di sistema;
  • Software engineer;
  • Project manager IT e digital.

Il comparto tech, in particolare, ha beneficiato degli effetti della digitalizzazione sulle aziende e, nello specifico, della corsa alle nuove modalità di lavoro da remoto.

E, in linea con il ricorso alla digitalizzazione, uno dei settori – in questo caso a media qualifica – che ha registrato una crescita altrettanto importante è quello relativo all’help desk

Questo comparto, che anche nel sud e in città come Catania ha visto aumentare la richiesta di addetti al servizio clienti e di operatori call center, ha infatti beneficiato del repentino passaggio di molti servizi dal reale al virtuale e, alla luce dei processi di digitalizzazione imminenti, è probabilmente destinato a consolidarsi anche nell’immediato futuro.

Crescita e lavoro: l’andamento dei settori tradizionali

Stando al numero di offerte di lavoro rilevate negli ultimi mesi, anche i settori più tradizionali hanno maturato performance decisamente positive. 

Volano della crescita è principalmente l’automazione, che ha alimentato lo sviluppo dei settori dell’industria meccanica e metalmeccanica, oggi tra i principali protagonisti nella domanda di professionisti qualificati.

In questo caso, la selezione si concentra soprattutto su tecnici manutentori ed esperti in tema di automazione, oltre che addetti all’assemblaggio, al montaggio, alla finitura dei pezzi e ai robot di saldatura. 

Ma ad alimentare il tessuto produttivo è anche il settore dei trasporti e della logistica, la cui crescita ha fatto emergere un aumento di domanda di addetti al magazzino e manovratori di muletto.