Licenziamenti “Girgenti Acque”, Picarella : “Speriamo non peggiori la qualità del servizio”

Le Segreterie Confederali di CGIL CISL e UIL di Agrigento congiuntamente alle Segreterie delle categorie dei metalmeccanici, acqua e gas si sono riuniti per discutere e valutare la comunicazione di apertura della procedura di licenziamento collettivo di Girgenti Acque e della società controllata Hydortecne che prevede complessivamente 85 licenziamenti.

In  merito ai licenziamenti interviene Francesco Picarella Presidente di Confcommercio Agrigento.

Ci auguriamo- afferma – che i paventati licenziamenti di lavoratori della Girgenti Acque e della società “Hydortechne” non abbiamo ulteriori ripercussioni sulla qualità del servizio che è ancora lontano dall’essere definito efficiente”. Premesso che ogni tipo di concertazione attua a salvaguardare i posti di lavoro dovrà essere portata avanti dai rappresentanti sindacali – aggiunge Picarella – mi preme sottolineare come ci sia preoccupazione sulle tematiche inerenti la distribuzione dell’acqua. Non vorremmo – aggiunge – che alla perdita dei posti di lavoro si aggiungesse un proporzionale e graduale peggioramento del servizio reso. Ad oggi – dice il presidente di Confcommercio Picarella – siamo ancora in attesa di confrontarci con un sistema di distribuzione idrico efficiente, che sappia garantire acqua corrente e costi equi. Dispiace per la perdita dei posti di lavoro, ma ancor di più saremmo rammaricati se il settore commerciale e alberghiero si trovasse ancora una volta a dover fronteggiare turni idrici lunghissimi a mal funzionamenti nel sistema della distribuzione del prezioso liquido”