Lampedusa, è ufficiale: Nicolini non è più sindaco, vince Martello

Giusi Nicolini viene bollata dalla sua Lampedusa. Il dato definitivo, arrivato in netto ritardo rispetto agli altri undici comuni dell’agrigentino dove si è votato per le amministrative, dice che il nuovo sindaco delle Palagie è Salvatore Martello che con 1.585 voti ha ottenuto il 40,30% delle preferenze. Dopo di lui si piazza Filippo Mannino che con 1.556 voti ha ottenuto il 29,39%. Giusi Nicoli è terza con 950 voti, pari al 24,28%. La candidata di Lega Nord – Salvini, Angela Maraventano ha ottenuto invece 237 voti, pari al 6,03%.

Salvatore-Totò-Martello-535x300Parla di «una rivincita consumata a sangue freddo« Salvatore Martello, nuovo sindaco di Lampedusa. L’avversaria di sempre. Entrambi Pd. Con circoli separati. E con rivincita covata da cinque anni, da quando Martello cominciò a gridare all’impostura vedendo l’ex segretaria di Legambiente volare sulle prime pagine di tutti i giornali accanto a Papa Francesco, Obama e Renzi che l’ha voluta in segreteria nazionale Pd. Immagini e storia che Martello, sindaco per due legislature fino al 2001, proprietario di alberghi e leader dei pescatori di Lampedusa, liquida infierendo: «Ladra di medaglie».

Nicoli, che in questi anni di sindacatura, aveva fatto dell’accoglienza il suo cavallo di battaglia respinge le accuse al mittente. Ma la sindaca che in questi anni, aveva programmato un nuovo stadio di calcio, una candidatura al Nobel,  partecipato alla cena con Obama nella Casa Bianca, entrata nella segreteria nazionale del PD di Matteo Renzi,  organizzato la visita, primo viaggio assoluto, di Papa Francesco, deve fare i conti con il severo esame elettorale. Spetterà a Martello adesso rilanciare l’economia dell’isola. (DV)

 

Amministrative 2017, ecco i sindaci eletti nell’agrigentino – FOTO

La percentuale in provincia di Agrigento dei votanti è stata del 54, 47 per cento. Chiuse le urne alle 23, è subito iniziato lo spoglio, che ha riservato non pochi colpi di scena: ovvero il flop dei 5stelle, la sconfitta di Giusy Nicolini a Lampedusa, molto apprezzata fuori dall’isola, un pò meno nella sua isola. La sconfitta del sindaco uscente Parello di Aragona , al suo posto ha vinto Pendolino (FOTO). Va detto che a Lampedusa lo spoglio si è bloccato a causa di un guasto elettrico.  A Palma di Montechiaro eletto Stefano Castellino. Appoggiato da tre liste: “Bene Comune”, “Riprendiamoci il futuro” e “Nuova Palma”, ha ottenuto 5.347 preferenze, pari al 47,46%.   A Sciacca, unico comune dell’Agrigentino, dove si profila il ballottaggio tra Francesca Valenti e Calogero Bono anche se qui i dati non sono ancora definitivi. A Casteltermini ha vinto Gioacchino Nicastro, che ha ottenuto 2.231 voti, pari al 41,30%. A Montallegro ha vinto Caterina Scalia. A Comitini Antonino Contino. Clamoroso il dato di Bivona, dove Milko Cinà la spunta per 5 voti di differenza. Con 1.248 preferenze, pari al 50,10%, ha la meglio su Salvatore Marrone che si ferma a 1.213 preferenze, pari al 49,09%. A Campobello di Licata vince Giovanni Picone che con 2761 preferenze ottiene il 46,12%. A Cattolica Eraclea la spunta Santo Borsellino che con 1.310 voti ottiene il 52,05 %. Il suo antagonista Giuseppe Giuffrida si ferma a 1.207 preferenze pari al 47,95%. Il sindaco di Comitini è Antonino Contino che ha ottenuto 371 preferenze pari al 51,53%. Il Sindaco di Santa Margherita di Belice è Francesco Valenti che ha ottenuto 2.012 voti, pari al 34%. In questo comune erano ben 4 i candidati sindaco. Domenico Balsamo con 533 preferenze pari al 55,81% è stato eletto sindaco di Villafranca Sicula.