La scomparsa di Gessica, inchiesta sulla prostituzione e le telefonate intercettate

C’è un’altra indagine che corre di pari passo a quella, resa nota negli scorsi giorni, dell’iscrizione nel registro degli indagati di Filippo Russotto, ex compagno di Gessica Lattuca, nell’ambito della misteriosa scomparsa della 27enne madre di quattro figli lo scorso 12 agosto a Favara.

Secondo Grandangolo che ha pubblicato un ampio articolo sul cartaceo, già il sostituto procuratore della Repubblica di Agrigento Alessandro Macaluso, oggi in servizio in altra sede, aveva fatto notificare, infatti, l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti di Gaspare Michele Volpe, alias “Baddari”, 60enne di Favara ex datore di lavoro di Gessica.

Sebbene la vicenda cristallizzata dalla Procura di Agrigento – che ipotizza un giro di prostituzione gestito dal Volpe – risalga al 2015 i personaggi e le vicende che emergono dalle attività di indagine (oggi concluse) degli inquirenti risultano terribilmente attuali.

Nel fascicolo, infatti, compaiono una serie di intercettazioni che riguardano direttamente Gessica Lattuca – come quella del settembre 2015 – o indirettamente quando ad essere captate sono persone terze.

Fin dal primo periodo di intercettazioni – che cominciano nel settembre 2015 – emergono subito elementi che lascerebbero pensare a condotte illecite.

Grandangolo, in esclusiva, le ripropone nei modi descritti da una informativa dei carabinieri