La Fortitudo a caccia di lunghi giovani e promettenti

Gli ultimi innesti in casa Fortitudo hanno spazzatovia lo scetticismo e dato una scossa alla campagna abbonamenti. Se in un primo momento i tifosi si mostravano freddi e polemici adesso le poltrone del PalaMoncada cominciano ad essere opzionate. Dopo che la Moncada ha ufficializzato i due americani, già una trentina di abbonamenti sono stati piazzati. Ma quello che più sorprende è che in tanti abbiano deciso di prendere labbonamento in questa fase, cioè quando la campagna è riservata agli abbonati con quota sostenitore e senza nessun tipo di sconto.

Cè fiducia quindi nel nuovo corso della Fortitudo Agrigento che come è noto sta rifondando sulle basi di un nuovo progetto che porti entusiasmo ma che soprattutto torni a far divertire il patron Salvatore Moncada, che al culmine della passata stagione si era detto stanco e demotivato. Evidentemente, come ha lui stesso ammesso servivano nuovi stimoli. Era il 10 maggio scorso quando il Presidente Moncada, si lamentava, tra le tante cose non andate per il verso giusto dell’atteggiamento tenuto dagli americani che mostravano in diversi frangenti poco attaccamento alla maglia. Azzerate le polemiche, messi da parte i dissapori, archiviati gli aspetti negativi, si è stabilito di dare una sterzata netta.

Occorreva ridare un senso ad un progetto che punta soprattutto a creare un brand che sappia essere appetibile anche per nuovi eventuali investitori. Al momento la strada intrapresa sembra quella giusta. Va detto – ha tenuto a precisare il Presidente – che quello che verrà sarà per tutti noi un anno sperimentale, ma sono certo che alla fine il nuovo progetto dia i giusti frutti; lavorare con un gruppo di giovani ed una base di giocatori desperienza è la chiave giusta per fare in modo che dal punto di vista economico la pallacanestro ad Agrigento diventi sostenibile e duratura nel tempo.

Al momento la Fortitudo ha già ufficializzato la conferma di Marco Evangelisti, quella di Ruben Zugno e Giuseppe Cuffaro, gli arrivi di Pendarvis Williams e Jalen Cannon. Il roster al momento è composto da 6 giocatori tutti scelti per la grandissima motivazione e voglia di indossare e difendere la canotta bianco-azzurra. Così agli occhi del tifoso diventa assolutamente meraviglioso leggere di Penny Williams che non riesce affatto a trattenere la sua gioia e la sua emozione per quello che egli stesso definisce “un ritorno a casa”. Restano da ufficializzare i nomi che faranno compagnia all’americano nelle caselle dei lunghi. (DV)