La Fortitudo asflata Capo, ma è addio Supercoppa

Agrigento domina a Capo D’Orlando ma non basta. La formazione di coach Cagnardi fa sua la terza gara del girone azzurro della Supercoppa ma non accede alla fase successiva. Al PalaFantozzi finisce 108-68, con ben sei i giocatori in doppia cifra. Strepitoso Ambrosin 23 punti , 20 per Pepe, 15 per Easley, 12 James e De Nicolao, 11 Fontana. Ad accedere al turno successivo della competizione come migliore seconda è però Torino. La squadra piemontese ha sfruttato un quoziente leggermente superiore dettato dalla differenza canestri. Nelle tre partite del girone Agrigento ha pagato la sconfitta maturata negli istanti finali a Trapani. Il bilancio è tuttavia positivo, avendo poi la M Rinnovabili vinto la gara interna con Napoli e la trasferta di Capo D’Orlando. Proprio in questa ultima partita la compagine della città dei templi ha mostrato sul parquet una grande vena realizzata dall’arco. Dominio assoluto per Agrigento che al termine del terzo quarto conduceva 60-87. Non c’è storia nell’ultimo periodo, vera accademia con un parziale che dice tutto (8-21).

Sicuramente Agrigento ha potuto approfittare del fatto che l’Orlandina era priva di tre quinti del quintetto base e con mezza squadra fuori per infortunio. Nonostante questo Cagnardi ha avuto indicazioni interessanti sul potenziale della sua squadra. Mentre i paladini avranno modo di rinforzarsi in vista della stagione regolare, considerato che in settimana accoglieranno il play-guardia Kinsey. Il derby di fine estate va dunque alla Fortitudo che ha potuto rodare determinati meccanismi e prendere confidenza con l’idea di pallacanestro del nuovo coach. Il punteggio di 108 a 68 dice di una squadra dalla buona vena realizzata e di un Ambrosin totalmente recuperato dall’infortunio muscolare. Fin dalle prime battute, nel primo quarto, Agrigento è salita in cattedra. Ad aprire è stata una percussione di Easley ed un canestro facile. Stessa storia per Pepe, autore di pregevoli giocate, ed anche Lorenzo Ambrosin. Agrigento comanda il match, la partita non è stata mai messa in discussione. La Fortitudo Agrigento ha chiuso il primo quarto con il punteggio di 33 a 16. Nel secondo periodo di gioco è ancora la Fortitudo Agrigento a comandare imponendosi con il punteggio di 66 a 46.