Inferno. Al cinema la discesa labirintica di Langdon

inferno-2016-postery

Inferno. Al cinema la discesa labirintica di Langdon nell’arte italiana

Di Seleene Bonsignore – Inferno è quasi sicuramente l’appuntamento più atteso al cinema nella seconda metà di quest’ anno ed esce giovedì 13 ottobre in contemporanea mondiale. Il thriller è ispirato al sesto romanzo di Dan Brown ed è diretto da Ron Howard, il regista de Il Codice Da Vinci e Angeli e Demoni. Tom Hanks per la terza volta interpreta il ruolo del professor Robert Langdon, mentre Felicity Jones è Sienna Brooks, l’affascinante dottoressa che aiuta Langdon durante la sua nuova avventura e che nasconderà fino alla fine un mistero, che porterà lo spettatore a dubitare chi sia veramente; infine nel cast troviamo anche Omar Sy nei panni di Christoph Bruder, il capo della squadra delle SRS. Il film è stato girato tra Venezia, Firenze, l’Ungheria e la Bulgaria nel 2015.

L’oggetto ricercato dal professor Langdon in Inferno è una bio-capsula contenuta in un cilindro, identico a uno di quelli che in campo medico vengono utilizzati per trasportare sostanze pericolose, all’interno della quale si trova una soluzione virologica pericolosa progettata da Bertrand Zobrist, un genetista folle, ossessionato dalla purificazione, che minaccia l’incolumità degli uomini, divenuti troppo numerosi sulla Terra . Che cosa contenga la soluzione non si sa, forse lo Yersinia pestis, il batterio della peste nera che nel Trecento devastò l’Europa, l’Italia e Firenze, o forse un ebola virus. L’unica certezza è che di qualunque cosa si tratti è altamente pericoloso per l’umanità, pertanto è importante che Langdon trovi la capsula. Tuttavia il primo grande passo da compiere per il simbolista è recuperare la memoria e alzarsi dal letto dell’ospedale in cui è ricoverato da due giorni, dopo avere subito un trauma durante la fuga da una killer. Per trovare la capsula e conoscerne il contenuto, Langdon dovrà risolvere una serie di indovinelli a partire dall’iscrizione nascosta nel retro della maschera mortuaria di Dante Alighieri esposta a Firenze a Palazzo Vecchio, trafugata prima dell’arrivo del professore da un personaggio misterioso. L’avventura affrontata dal simbolista lo porterà ad attraversare insieme a Sienna, che per lui sarà una guida come Virgilio per Dante nell’Inferno, un percorso che si fa sempre più labirintico e ricco di colpi di scena che lasceranno lo spettatore incollato sulla poltrona, in cui a fare da padrone sono la bellezza artistica di Firenze e Venezia, la letteratura italiana rappresentata oltre che da Dante anche da Nicolò Machiavelli e poi formule scientifiche e teorie genetiste che vedranno coinvolta anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Inferno esce domani, 13 ottobre, al Cinema Concordia di Agrigento. Orario degli spettacoli 18:30, 20:30, 22:30, costo del biglietto intero dal lunedì alla domenica 7 €, ridotto per tutti solo il mercoledì 5 €.