Incidente mortale sulla SS 115: ipotesi di omicidio colposo per un favarese

Sono conclusi i rilievi della polizia scientifica che ieri ha lavorato a lungo al chilometro 199/VI della SS 115, per ricostruire la dinamica dell’incidente in cui ha perso la vita il 26enne di Palma di Montechiaro, Leonardo Salvatore D’Alessandro, che viaggiava a bordo di una moto di grossa cilindrata.

Il giovane è morto, poco dopo le 21 di sabato scorso, nel tratto fra Villaggio Mosè e contrada Drasy, all’altezza di contrada Burraiti, in territorio di Agrigento, in direzione di marcia Licata – Agrigento. La sua moto è finita contro la recinzione metallica di un fondo agricolo, restando incastrata nel reticolato.  Pare che il centauro fosse in procinto di superare una colonna di auto, quando ha impattato una macchina, perdendo il controllo del mezzo.

Sul luogo dell’incidente anche il magistrato di turno. Adesso, risulta indagato con l’ipotesi di omicidio colposo, il conducente di una Fiat Punto, un 24enne di Favara: Un atto dovuto, per consentire il prosieguo delle indagini. L’automobilista, sotto shock per l’accaduto, aveva lasciato il luogo dell’incidente, salvo poi presentarsi in serata dai carabinieri di Favara e successivamente sottoposto ad alcol e droga test con esami del sangue, che hanno dato esito negativo.

LEGGI ANCHE . Incidente mortale sulla SS 115: muore centauro di ventisei anni | GALLERY