I poliziotti uccisi a Trieste, il ricordo commosso dei colleghi agrigentini

Commovente omaggio dei poliziotti del Siulp (Sindacato italiano dei lavoratori della Polizia di Stato) di Agrigento ai due agenti uccisi a Trieste. Presenti il questore Rosa Maria Iraci, il vicario Felice Peritore, diversi dirigenti, funzionari e agenti in servizio in Questura.

Una iniziativa voluta dall’Ispettore superiore Sebastiano Canicattì, in forza alla Questura, e da tanti a anni punto di riferimento regionale del Sindacato di polizia. Toccante l’intervento del Questore. Tutti quanti si sono commossi.

Subito dopo è stato deposto un mazzo di fiori al monumento ai caduti all’interno della Questura, seguito dal silenzio intonato dalla tromba suonata da un agente. Poi gli applausi in ricordo dei due poliziotti morti in servizio.

“Riposate in pace ragazzi. Avete fatto il proprio dovere per il bene della collettività. Siete stati barbaramente uccisi dalle vili mani di due delinquenti stranieri”, conclude Canicattì.