Festa 2 giugno, le foto della cerimonia in Piazza Vittorio Emanuele

Cerimonia per la festa del 2 giugno stamane in  Piazza Vittorio Emanuele di Agrigento, alla presenza delle più alte cariche istituzionali civili, religiose e militari della provincia.

Alla cerimonia del 71° Anniversario della Fondazione della Repubblica Italiana, oltre alle rappresentanze delle forze armate e delle forze di polizia, hanno preso parte anche studenti degli Istituti Scolastici di Agrigento.

A seguire, nel cortile interno del Palazzo del Governo, la consegna delle onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

In merito all’alta Onorificenza “Cavaliere dell’ordine al Merito della Repubblica “conferita 02 giugno 2017 dal Presidente della Repubblica Italiana On. Sergio Mattarella al Sovrintendente della Polizia di Stato Antonino ALLETTO Segretario Generale Nazionale del MOVIMENTO DEI POLIZIOTTI DEMOCRATICI E RIFORMISTI.

DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE PROVINCIALE ALFONSO IMBRO: l’onorificenza di “Cavaliere dell’ordine al Merito della Repubblica “ concessa al nostro Segretario Generale Nazionale rappresenta motivo di grande orgoglio per l’intera Organizzazione Sindacale, una onorificenza che, oltre a sancire la brillante carriera di Alletto nell’ambito del sindacato ai massimi livelli attesta in modo inequivocabile le sue doti di Uomo e di Poliziotto, che lo ha sempre contraddistinto nelle attività di servizio espletate, motivo per il quale il Dipartimento gli ha riconosciuto, per l’attività di Polizia Giudiziaria svolto, numerosi ed importanti riconoscimenti premiali.
Inoltre vorremmo ricordare solo alcune iniziative sociali che hanno sottolineato e contraddistinto l’impegno di Antonino ALLETTO, una tra le tante, l’imponente manifestazione di sensibilizzazione da Lui organizzata ad Agrigento nel marzo del 2007 (nel corso della quale hanno partecipato ben oltre 3000 cittadini), effettuata in ricordo della tragica scomparsa dell’Ispettore Capo RACITI. Manifestazione che ha coinvolto, associazioni, comuni della Provincia, lo stesso ente Provincia, personalità del mondo Militare ed Ecclesiastico, il mondo della cultura, della scuola, con il patrocinio di alcuni enti Istituzionali, dalla Polizia di Stato alla Regione Sicilia; nel 2008 unitamente all’UNITALSI si poneva a capo di una raccolta fondi pubblica nella principale Via Atenea in favore di un bambino gravemente ammalato, che necessitava di cure vitali che potevano essere effettuate esclusivamente presso un rinomato centro di New York (considerata la malattia grave e di tipo raro); mentre nel maggio del 2008 organizzava una raccolta fondi unitamente ai colleghi M.P. del Commissariato di P.S. di Licata ad una iniziativa sociale denominata “LA LEGALITÀ SI IMPARA GIOCANDO” destinando i fondi raccolti alla realizzazione e al rifacimento del parco giochi situato all’interno della Villa Comunale di Licata “Villa Giulia”; nel 2010 organizzava con il patrocinio della Provincia e del Comune di Agrigento una manifestazione dall’alto valore sociale ed educativo contro tutte le consorterie mafiose che attanagliano la nostra terra. E’ noto che ALLETTO è stato da sempre impegnato in prima linea con l’organizzazione di numerosi convegni sulla sicurezza e l’affermazione della legalità, delle quali vogliamo pregiarci di ricordare solo alcune, le più recenti in ordine di tempo; la Commemorazione del trentennale dalla barbara uccisone per mano mafiosa del Commissario di Polizia Beppe Montana e il convegno su l’immigrazione dal tema “accogliere in sicurezza” svoltosi a Realmonte che ha sottolineato l’impegno e la dedizione delle forze dell’ordine per garantire accoglienza e sicurezza nelle attività di soccorso, nei numerosissimi cittadini extracomunitari in occasione dei numerosissimi sbarchi avvenuti nelle nostre coste.
Concludiamo esprimendo un sentimento di affetto ed ammirazione nei confronti di ALLETTO, un uomo della nostra Provincia che da ben 32 anni, con onore e professionalità, ha svolto ruoli importanti, non sottraendosi mai al sano confronto con i cittadini cercando di raccontare loro i sentimenti che spingono le donne e gli uomini dell’Istituzione Polizia di Stato a servire il proprio Paese, malgrado gli innumerevoli problemi, ponendosi totalmente al servizio della collettività definendo la sicurezza un bene irrinunciabile per un sano e proficuo sviluppo dell’economia.