Favara un’immagine dell’Italia… polemiche e discussioni più del necessario !

Favara un’immagine dell’Italia… polemiche e discussioni più del necessario !

In piccolo sembra proprio così ! Abbondanza di parole vuote e discussioni sterili, poca sostanza e determinazione per puntare concretamente alla soluzione dei problemi che attendono soluzione.

In questo contesto sia a livello nazionale che locale, fatte le debite proporzioni, in maniera bipartisan non mancano nemmeno gli insulti e le allusioni offensive.

Cosi, dal Movimento 5 stelle i militanti del PD, vengono chiamati Piddini o addirittura Piddioti, ricevendo in risposta dal PD, anziché la qualifica di Pentastellati, quella abituale di “Grillini”, come membri di un Circo equestre, o ancora peggio marchiati da altri epiteti poco eleganti, se non irriferibili.

Questo il clima generale ! e mentre tutti i mass media continuano a concentrare l’attenzione sulla Giunta pentastellata di Roma, guidata da Virginia Raggi…. a Favara, evidentemente, a livello strettamente locale, tutta l’attenzione è rivolta alla sindaca Anna Alba, alla sua Giunta ed al Movimento 5-stelle, che invitano a prendere atto della situazione di dissesto finanziario in cui versa il Comune.

Per questo hanno iniziato ad informare i cittadini con un a serie di programmati incontri rionali, prima che del problema se ne discuta ufficialmente in Consiglio Comunale, ufficialmente convocato per il prossimo 21 settembre.

Consiglio che, già convocato in seduta straordinaria ed urgente, avrebbe dovuto discutere del problema dissesto lo scorso 22 agosto, se lo stesso, ad inizio dei lavori, non avesse deciso di bocciare l’urgenza, annullando di fatto la convocazione. Una decisione pressoché razionalmente inspiegabile, che ha lasciato tutti di stucco !

Adesso, proprio in queste ore, tutta la discussione e le polemiche sono concentrate su un Regolamento varato, che dovrebbe andare in vigore a partire da domani 9 settembre, per regolare la procedura per la convocazione e la riunione delle commissioni, che sono tutte presiedute dai pentastellati.

Ecco i due punti del Regolamento : “1) a decorrere dalla data di protocollo della presente saranno accettate solo richieste inoltrate a mezzo mail istituzionale dai consiglieri richiedenti al presidente della rispettiva commissione e, per opportuna conoscenza, al Presidente del Consiglio Comunale; 2) le commissioni consiliari saranno calendarizzate solo se si raggiunge un numero di punti all’odg congruo e su temi concreti, ovvero privi di qualsiasi forma di astrazione metafisica”.

Forse una certa regolamentazione per evitare perdite di tempo, discussioni inutili, e peggio, come in passato, riunioni soloper far lucrare solo il gettone di presenza , un regolamento andava sicuramente elaborato. Qualche perplessità sorge sul modo di procedere e soprattutto su talune motivazioni addotte. Si accennava infatti a forme di “stalking telefonico” , che pare però che, accogliendo le immediate proteste di alcuni consiglieri, queste parole siano già stolte dal testo ufficiale, che dovrebbe essere protocollato domani.

Questo il quadro della situazione a Favara , mentre ci viene pure da osservare che risulterebbe sicuramente più fruttuoso del silenzio anche l’intervento degli altri cinque candidati a sindaco, dato che è solo l’avv. Gaetano Airò ad intervenire ed offrire lodevolmente utili spunti di riflessione sia all’opposizione, richiamata a non “friggere aria”, sia a chi è stato caricato dal popolo favarese, nel ballottaggio a larghissima maggioranza, dell’onere-onore di pigliare le redini del governo di questa disastrata città.

Così come, pensiamo debbano continuare a fare tutti i cittadini, che seppellendo definitivamente la cultura del disinteresse e della rassegnazione, devono sentire come dovere quello di seguire ed esigere che vengano attuati gli impegni programmatici, da parte di chi è stato chiamato a governare, pilotando con l’energia necessaria il cambiamento di cui c’è bisogno.

08-09-2016

Diego Acquisto



In questo articolo: