Favara si prepara ad onorare Santa Rita

Dopo  due anni di pandemia-coronavirus, durante i quali tante lodevoli e suggestive tradizioni di devozione popolare sono stati drasticamente ridimenzionati o completamente annullati, quest’anno grazie alla situazione sensibilmente migliorata, qualche momento particolare di devozione  è stato ripreso. Come risulta programmato a Favara verso la Santa di Cascia, pur con tutte le precauzioni del caso, cosi come previsto da alcune nome rimaste  in vigore. E’  quanto comunicato in un pubblico manifesto per annunciare che  la  ricorrenza della festa dell’umile suora agostiniana, proprio perché “ più che mai provati”,  ci trova ancora più sensibili ad accogliere e diffondere il messaggio di perdono,di dialogo  e di pace  di cui Santa Rita,  vissuta tra il 1381  ed il 1457,   nel suo tempo,  è stata  fulgido  esempio come  donna impegnata anche  nel sociale. Quest’anno la memoria liturgica il 22 maggio prossimo coincide con la VI domenica di Pasqua. E  poiché le domeniche di Pasqua, liturgicamente,  hanno la precedenza sulle memorie dei Santi,  in ottemperanza delle indicazioni del competente Ufficio  Diocesano della  Curia Agrigentina,   la memoria liturgica di S. Rita, viene spostata al giorno successivo, cioè lunedì  23 maggio come primo giorno utile.Nel pubblico manifesto non si manca di richiamare l’attenzione sulla situazione attuale dell’umanità. Si dice infatti. “ Guardiamo non solo all’Ucraina ed all’Europa, ma anche alle tante  altre zone di questo nostro pianeta, dove manca la pace e per la violenza che dilaga, abbonda la sofferenza anche la più disumana, che colpisce tutti e soprattutto  le fasce sociali più deboli”. Forte ed urgente perciò    l’esigenza di pregare perché il fuoco d’amore che ha caratterizzato la spiritualità di questa Santa, porti in ogni cuore una rinnovata capacità  di rilanciare una nuova cultura pace, di dialogo, di riconciliazione e di perdono. Momenti particolari saranno a conclusione del triduo, domenica pomeriggio la celebrazione dalla Santa Messa da parte di don Saverio Pititteri, con la partecipazione  di Miriam Mignemi,  presidente del Consiglio Comunale di Favara, che anche a nome della massima assise cittadina , offrirà simbolicamente un omaggio floreale a Santa Rita. Mentre, lunedì 23 maggio, nella Messa conclusiva delle ore 19, celebrata dall’arciprete don Giuseppe D’Oriente, alla presenza del Sindaco Antonio Palumbo, sarà recitata una particolare preghiera di supplica per la Città.