Ex Fortitudo Agrigento, Kelvin Martin, torna in Italia

Si comincia dopo ferragosto il 21 con il raduno della prima squadra e l’inizio della preparazione, il 22 la prima seduta atletica in vista della prossima stagione. Il raduno della Effe è fissato proprio per lunedì 21 agosto al PalaMoncada, pochi giorni dopo, il 25 dello stesso mese, primo test amichevole contro gli americani dalla “Umas Lowell, college, university ok Massachusett.

“Ci auguriamo – ha detto il ds Cristian Mayer – che tutti si facciano trovare pronti, altrimenti rischiamo di non riuscire a tenere testa ai talenti statunitensi”. In attesa del ritiro, a tutti, come succede ogni anno, sono stati affidati i compiti per le vacanze. Ogni giocatore della Moncada ha un piano alimentare da rispettare e una tabella di esercizi da svolgere. C’è chi deve fare pesi, chi atletica, chi nuoto, chi migliorare la percentuale realizzativa allenandosi con i tiri. In questi giorni tutti sono in vacanza. Il play Ruben Zugno è a New York, è andato a toccare con mano la patria del basket NBA. Tra chi è in viaggio con la ragazza, chi è tornato a trovare la famiglia, tutti devono rispettare, si spera, il programma affidato. “L’avversario che ci troveremo difronte – dice Mayer – metterà a nudo i nostri limiti, sarà un test indicativo per comprendere i nostri punti di forza e allo stesso tempo cosa migliorare”. L’amichevole con gli universitari non è casuale.

I ragazzi del college saranno in Sicilia per qualche settimana, nel loro programma, amichevole pure con Capo D’Orlando, che Agrigento affronterà in un’altra sfida di allenamento il 30 agosto sul neutro di Caltanissetta. Misurarsi con queste squadre servirà inoltre per preparare l’organico ad affrontare il campionato con la giusta intensità. Il coach Ciani ha spiegato che la sua squadra dovrà seguire il modello dei college americani. “Significa – ha detto Mayer – giocare con grande intensità, sia in difesa che in attacco, cercando di non pensare troppo e sfruttando l’imprevedibilità dei ragazzi”. La “Effe” ha infoltito il roster con tanti giovani, tutti sono stati presi per accumulare minuti. “Ci sono diverse scommesse – dice Mayer – da vincere, perché a lavorare con la linea verde c’è grande soddisfazione”. Ed a proposito di scommesse vinte, l’ex Agrigento, Kelvin Martin, torna in Italia.

Nella scorsa stagione in Bundesliga al MHP Riesen Ludwigsburg. Martin vestirà la maglia numero 1 della Vanoli Basket. Nato in Germania il 10 settembre del 1989 ma cresciuto ad Adel, in Georgia, era stato portato in Italia proprio dalla Fortitudo Moncada Agrigento. Dopo un campionato esaltante nella serie A2 girone ovest, era passato al campionato tedesco, salvo poi ritornare in questa stagione e vestire la maglia di Cremona. (DV)