“Epicentro Sicani”: il Gal incontra a Casteltermini e a Joppolo comuni, imprese e associazioni

Dopo l’incontro organizzato in collaborazione con il Comune di Burgio lo scorso 12 ottobre, continuano anche in altri comuni gli appuntamenti con l’animazione territoriale del Gal Sicani. Altri due incontri sono in programma a Casteltermini, il seminario “Epicentro Sicani – Opportunità di sviluppo socioeconomico con il Distretto Rurale di Qualità dei Sicani”, venerdì 9 novembre alle 17.00, presso i locali dell’ex Pretura; e a Joppolo Giancaxio,  con l’appuntamento dedicato agli operatori della Magna Via Francigena, sabato 10 novembre alle 17.00, presso la sala consiliare del palazzo comunale.

Gli incontri fissati in calendario saranno dedicati alla divulgazione di informazioni sulla bandistica e sulle opportunità di finanziamento a cui potranno accedere imprese, enti pubblici e associazioni. Il Gruppo di azione locale del territorio dei sicani investirà infatti circa 5 milioni di contributi pubblici in azioni di sviluppo e rilancio del territorio, con una suddivisione che prevede di destinare 2,5 milioni ai progetti presentati dai comuni in partenariato con le ssociazioni senza scopo di lucro; 1,5 milioni circa andranno ai progetti che vedono coinvolte le reti di imprese, sia in ambito turistico che in ambito agroalimentare per potenziare percorsi di filiera corta come il mercato del contadino, i mercati comunali, i gas, ecc…;  circa 800 mila saranno investiti in progetti di marketing territoriale e formazione per gli operatori che aderiranno al Distretto Rurale di Qualità dei Sicani.

La novità della nuova programmazione del Gal, che andrà ad implementare le misure del PAL Sicani – Piano di Azione Locale Sicani, è proprio un maggiore coinvolgimento degli enti pubblici comunali: i comuni, le associazioni e le imprese che operano nell’ambito del settore turistico dovranno organizzarsi e coordinarsi insieme per rafforzare reti e relazioni. In particolare, verrà creato comune per comune un micro percorso funzionale che possa intercettare e valorizzare, oltre che le emergenze ambientali, ecomuseali e culturali, anche le produzioni locali e tipiche, le attività turistiche, dell’artigianato ed imprenditoriali in generale, in modo da creare quello che è stato definito un sistema locale funzionale, che sta alla base delle Unità comunali. Un filo rosso che lega agriturismi, B&B, fattorie didattiche o musei e che va ad incastonarsi nel soggetto più ampio che è il marchio territoriale Distretto Rurale di Qualità Sicani, per avviare una politica di sviluppo ed innovazione e sostenere le diffusa qualificazione delle risorse umane. 

Grazie ai fondi della programmazione comunitaria 2014-2020 del Gal verranno inoltre supportati tutti i percorsi virtuosi, religiosi e naturalistici dell’area sicana, con particolare attenzioni verso quelli esperienzali-emozionali. In vista di questo obiettivo l’incontro a Joppolo Giancaxio è rivolto ai comuni attraversati dal percorso della Magna Via Francigena (Joppolo, Aragona, Cammarata, San Giovanni Gemini, Castronovo di Sicilia e Prizzi), all’associazione “Amici dei Cammini Francigeni di Sicilia” che ha studiato l’itinerario, ne cura il mantenimento e supporta pellegrini e camminatori, e tutti i Comitati locali, per promuovere i bandi a supporto dell’itinerario che collega Palermo ad Agrigento.

 

Fonte: Magaze.it