“Dumbo”, Tim Burton ricrea il classico Disney con attori reali

Agrigento, dal 28 marzo in programmazione al Ciak CIAK:16.30 18.00 20.30 22.30.

Dalla fantasia Disney e dall’ingegno di Tim Burton questo giovedì, 28 marzo, arriverà nelle sale “Dumbo” il nuovo film di avventura che nasce dalla pellicola animata del 1941, basata sul racconto originale di Helen Aberson e Harold Pearl, che valorizzava molto la famiglia e i sogni che spiccano il volo.

Il proprietario di un circo, Max Medici (Danny DeVito), fa un contratto alla sua vecchia stella Holt Farrier (Colin Farrell) e ai suoi figli Milly (Nico Parker) y Joe (Finley Hobbins) per prendersi cura di un cucciolo di elefante nato da poco e con le orecchie tanto grandi che lo trasformano presto nello zimbello del circo che sta attraversando non poche difficoltà.

Tuttavia, quando si scopre che il piccolo pachiderma può volare, il circo torna ad avere grande successo e ad attrarre l’intraprendente Vandevere (Michael Keaton) che stipula un contratto per avere questo caratteristico esemplare a Dreamland, il suo nuovo e smisurato parco di attrazioni. Dumbo raggiunge nuove vette insieme a Colette Marchant (Eva Green), un’incantatrice trapezista, fino a quando Holt scopre che Dreamland sotto la sua abbagliante facciata nasconde oscuri segreti.

La Disney grazie a Tim Burton, che oltre a essere il regista di “Dumbo”  ha svolto anche il ruolo di produttore esecutivo, ci offre un grande capolavoro, una nuova versione dell’elefantino che sapeva sciogliere l’inquietudine in tenerezza. Solo Tim Burton con la sua visionarietà poteva offrirci una favola che ci insegna che anche l’impossibile può diventare possibile. Non è un caso che Tim Burton, giorno 27 marzo, riceverà a Roma il “Premio David di Donatello” alla carriera.

Rispetto alla pellicola del 1941, ci sono delle differenze. La prima  riguarda la durata del film, un’ora e quattro minuti nella pellicola di animazione del 1941. La seconda differenza riguarda il motivo principale, infatti, il film d’animazione era concentrato unicamente sulla nascita dell’elefante dalle orecchie grandi al quale tutti nel circo fanno bullismo e quando il piccolo scopre di sapere volare, si trasforma in una stella che lascia tutti a bocca aperta.

Nel film diretto da Tim Burton, invece, il circo scopre molto presto la capacità di volare di Dumbo che lo trasforma così in una superstar tanto che un magnate si interessa subito per firmare un contratto e avere il cucciolo tutto per sé. Un’altra interessante novità  del “Dumbo” di Tim Burton, riguarda l’attenzione rivolta al personaggio di Holt, un veterano di guerra, interpretato da Colin Farrell. Questi, infatti, deve affrontare una dramma personale: è un padre single in contrasto con i due figli Milly e Joe. In questo modo, il film assume un carattere corale, nel quale la relazione genitori- figli e la lotta al capitalismo sono le due chiavi principali.

La scena più emozionante del film è sicuramente quella in cui l’elefantino comincia a volare nel circo, perché è a quel punto che Dumbo che vola esprime un grande desiderio di libertà, quello che ciascuno di noi vorrebbe potere realizzare.

La colonna sonora originale di “Dumbo” è stata realizzata e curata dal compositore, quattro volte “Premio Oscar”, Danny Elfman, abituale collaboratore di Tim Burton. Nella versione italiana di “Dumbo”, una delle canzoni più belle, famose e commoventi è stata cantata da Elisa.

“Dumbo” vi attende al cinema giorno 28 marzo.