Due romanzi Bonfirraro sulla “Strada degli Scrittori” La Manna e Tatano ospiti della prestigiosa rassegna culturale per due

Mariuccia La Manna e Jim Tatano, due giovani autori della casa editrice Bonfirraro, saranno tra i protagonisti di altrettanti talk letterari moderati dal giornalista Gero Miccichè e previsti in occasione della prestigiosa rassegna culturale “La strada degli scrittori”, che si snoda da Porto Empedocle a Caltanissetta, lungo la statale 640.

Quest’anno, infatti, in occasione della programmazione del Festival il Distretto turistico “Valle dei Templi”, la rassegna ha invitato scrittori e romanzieri locali ad inviare le loro opere, allo scopo di dare voce a quei talenti umbratili che vivono sulla Strada degli Scrittori.

Due i romanzi, entrambi impegnati e altamente significativi che saranno presentati nel corso di altrettanti incontri: apre le danze la scrittrice La Manna che presenterà “Solo una vita”, il suo fortunato romanzo edito da Bonfirraro, nel corso del talk letterario “Donne attraverso la Strada”, che si

terrà questa domenica 14 maggio presso la splendida cornice della Farm Cultural Park di Favara, alle ore 17.

L’autrice si ritroverà a fianco di altre colleghe conterranee, come Marcella Carlisi, Alfonsa Farruggia, Antonella Vinciguerra e l’amica Stefania Rinaldi.

È in questo contesto che La Manna darà voce alla sua Marta, la protagonista del libro: «La storia della mia Marta – dichiara – è quella di tante donne, a parer mio troppe che si aggrappano a un amore falso, che di sano non ha proprio nulla. Attraverso la protagonista ho sentito l’esigenza di veicolare messaggi di notevole importanza, in primis l’amor proprio che, soprattutto in una fascia d’età delicata, come quella di Marta, viene totalmente messo da parte, imboccando spesso strade ricche di errori».

 

La settimana successiva ampio spazio a Jim Tatano, protagonista del talk letterario “Sulla Strada della giustizia”, appena uscito nelle librerie con “La ragnatela del potere”, sempre edito da Bonfirraro, un romanzo sorprendente, travolgente e avviluppante, costruito sulle nervature di una struttura sociale intrigata e misteriosa, massonica e oscura, in cui non esistono certezze.

L’appuntamento, fissato a Porto Empedocle, giovedì 18 maggio, comprenderà la presenza di altri autori quali Gabriele Antona Bellavia,

Iacono, Lo Bue, Gaspare Frumento, Vincenzo Grassonelli, Giuseppe Iacono e Pasquale Matina.

«Un passo dopo l’altro verso la Vigata leggendaria – ha dichiarato – Questa volta accompagno Davide Majorana, il protagonista del mio libro, a fare un giro nella mia terra, lui che la sua l’ha lasciata per trasferirsi a Roma! Ma Davide è un anarchico, non sottostà alle regole del vivere comune dettate dal Mercato, dal consumismo, da qualsiasi forma sfrenata di neoliberismo, attualmente unico e incontrastato selciato da percorrere; è un eretico moderno quasi invisibile, spero possa piacere al pubblico!».