“Disservizi Siremar”, il sindaco di Lampedusa: “La denuncio in Procura”

LAMPEDUSA. Il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, come tutti i sindaci precedenti a Lampedusa, si dispera e impreca contro gli asseriti disservizi della compagnia “Siremar”, titolare del contratto per il collegamento marittimo Lampedusa – Porto Empedocle. Il sindaco Martello annuncia che se la “Siremar” dovesse ulteriormente non adempiere correttamente al contratto la denuncerà.

E afferma: “Ancora una volta la ‘Siremar’ non ha rispettato il contratto di servizio per il collegamento fra Porto Empedocle, Lampedusa e Linosa: ieri la nave Galaxy è stata sostituita dalla Pietro Novelli, più piccola e con solo 15 cabine. Si è creata tensione tra i passeggeri poiché le richieste di cabine erano numerose e molte persone sono state costrette a dormire in pontile.

Per un problema di ‘rizzaggio’ i mezzi di trasporto, anche con beni di prima necessità, non sono stati imbarcati determinando pesanti disagi alla nostra comunità. Siamo di fronte a quella che ritengo una ennesima violazione contrattuale perché la nave destinata al collegamento fra Porto Empedocle, Lampedusa e Linosa, cioè la Sansovino, è stata dirottata alla tratta fra Napoli e le Eolie. Tutto questo provoca notevoli disagi alle nostre isole, anche in considerazione della stagione turistica già in corso. Se si continua così ci rivolgeremo alla Procura della Repubblica e denunzieremo le violazioni contrattuali”.