Il Consiglio comunale si riunisce di domenica per approvare Consuntivo e Bilancio

NARO. Il Consiglio comunale si riunisce anche di domenica per approvare il Conto consuntivo 2017 ed il Bilancio  di previsione 2018. Il senso di responsabilità dei consiglieri comunali ha fatto sì che lo strumento finanziario sia stato approvato di domenica, con la presenza di tutti i consiglieri ed il loro  coinvolgimento costruttivo, al di là delle posizioni e del ruolo di ciascun schieramento presente. Entrambi i provvedimenti hanno ricevuto il voto favorevole di 8 consiglieri (Maria Laura Bonanno, Sara Incardona, Lidia Mirabile, Franco Lisinicchia, Francesco Riolo, Lillo Ferraro, Lillo Cangemi, Maria Giovanna Barbàra) e quello contrario degli altri 7 consiglieri (Liliana Bellavia, Nicola Palmeri, Peppe Passarello, Angelo Gallo, Agostino Scanio, Rosalia Arnone, Dino Trupia). Con lo stesso numero di voti favorevoli, è stata anche dichiarata  l’immediata esecuzione delle due delibere. Per quanto riguarda il bilancio, non sono stati accolti gli emendamenti della minoranza che, in realtà, erano tutti racchiusi in un maxi-emendamento, ossia in un emendamento unico. Durante il dibattito, per la minoranza sono intervenuti il relatore principale, Peppe Passarello, il vicepresidente del consiglio, Liliana Bellavia, ed i consiglieri Scanio e Gallo. Tutti hanno difeso con forza il maxi-emendamento, poi respinto dal Consiglio Comunale.

Per la maggioranza, ha relazionato Lidia Mirabile che ha sottolineato l’importanza d’approvare adesso il bilancio, ovvero tra i primi Comuni della provincia che riescono a farlo. La consigliera ha pure rilevato come alcune parti dell’emendamento della minoranza siano plausibili (per es., la realizzazione di un ascensore nel palazzo comunale), ma altri siano giuridicamente impossibili (per es., l’aumento della spesa per la mensa scolastica durante il servizio già in corso e già appaltato). Infine, la consigliera Maria Laura Bonanno e il sindaco Lillo Cremona si sono detti disponibili , nel quadro della flessibilità dello strumento finanziario e in prospettiva del miglioramento delle previsioni  di bilancio, a dare concretezza ad alcune tra le parti più convincenti dell’emendamento respinto. “L’approvazione del conto consuntivo e del bilancio d’esercizio – dice il sindaco Cremona – ci mettono nelle condizioni di poter tornare a lavorare con serenità e
determinatezza, nonostante la riduzione dei trasferimenti statali e i ritardi sempre più consistenti dei trasferimenti regionali”. Grazie all’approvazione degli strumenti finanziari saranno garantite tutte le attività amministrative, dai servizi sociali fino all’organizzazione della festa del patrono di Naro, San Caalogero.



In questo articolo: