Concluso il processo diocesano di canonizzazione del giudice Rosario Livatino

Rosario Livatino: don Argento (giudice delegato), “il suo interesse primario è stato quello di seguire la giustizia ed amministrarla alla luce del Vangelo”.

LEGGI ANCHE Ancora un passo avanti sulla canonizzazione del giudice Livatino.

A sette anni dall’apertura del processo diocesano di canonizzazione del giudice Rosario Angelo Livatino, nel corso di una conferenza stampa è stato dato oggi l’annuncio della data in cui si terrà l’ultima sessione del processo diocesano: il 3 ottobre. “Dal processo diocesano non verrà fuori un giudizio sulla persona – ha detto il giudice delegato don Lillo Maria Argento, che ha condotto tutto il processo per conto dell’arcivescovo Montenegro – ma verranno inviati a Roma, alla Congregazione delle cause dei santi perché possano esprimere il proprio giudizio sulle virtù del giudice Livatino. Il suo interesse primario è stato quello di seguire la giustizia ed amministrarla alla luce del Vangelo”. “Il processo – ha concluso don Argento – è stata una fatica, ma una dolce fatica”. (Da Agensir.it)

Fiduciosi e Grati per l’annunciata chiusura della fase Diocesana del Processo di Canonizzazione del servo di Dio Rosario Angelo Livatino – Magistrato

Siamo grati a quanti hanno lavorato nel raccogliere le Testimonianze ed il materiale durante la fase diocesana del processo di Canonizzazione di Rosario Livatino – servo di Dio e Magistrato di questa terra.

L’annuncio in conferenza stampa della data del 3 ottobre prossimo scelta come solenne per l’importante momento storico da parte del nostro Pastore il Cardinale Francesco Montenegro è per noi motivo di impegno e fiducia nel corso e nei tempi della Chiesa.

La fase diocesana di ricerca di Testimonianze e documenti inerenti il servo di Dio Rosario Livatino ci consentirà quando gli atti saranno pubblici di conoscere molto di più di Rosario e della sua esistenza terrena la cui morte è stato “seme fecondo” per il risveglio delle coscienze e soprattutto per la conoscenza con gli incontri pubblici di esempi Credibili e Coerenti.

Grati a quanto hanno lavorato in questi sette anni ma anche dal 21 settembre 1990 per mantenere viva la Memoria e la Testimonianza di Rosario Livatino e grati ancor di più a don Franco, Arcivescovo e Cardinale, per aver portato in porto un impegno non indifferente ed essere stato sempre vicino alle Associazioni e di stimolo ed esempio per tutti a fare bene nell’interesse della Comunità affinché il servo di Dio diventasse sempre più Esempio Vivo e Credibile nonché Patrimonio di Tutti, laici e credenti.

A tutti l’invito a partecipare mercoledì 3 ottobre alle 10,30 ad Agrigento nella chiesa di S. Alfonso alla solenne chiusura della fase diocesana del processo di Canonizzazione del servo di Dio Rosario Angelo Livati.

 “La notizia della conclusione,dopo 7 anni, del processo diocesano di canonizzazione del giudice Rosario Livatino arriva a pochi giorni dal 28° Anniversario del suo martirio, 21 settembre. Il grande lavoro istruttorio svolto per la causa, oltre 4 mila pagine, verrà trasmesso alla Congregazione Romana per le canonizzazioni in Vaticano. Nell’attesa, un momento di preghiera e di riflessione sulla figura di un nostro conterraneo, esempio di grande rigore morale e profondo senso delle istituzioni”.

Così il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, alla notizia della conclusione del processo diocesano di canonizzazione del giudice Rosario Livatino.

LEGGI ANCHE Ancora un passo avanti sulla canonizzazione del giudice Livatino