Con il pastry chef Giovanni Mangione lo zucchero diventa arte

Giovanni mangione ed il figlio SamueleVenerdì 14 ottobre in occasione dell’onomastico S.Francesco Caracciolo, patrono dei cuochi, alcuni chef siciliani si sono riuniti presso la scuola alberghiera Calogero Amato Vetrano contrada Marchesa di Sciacca festeggiando insieme con un “dolce” banchetto ricco di antipasti, panini con milza, varie torte e cannoli siciliani. Nell’organizzazione di tutto non poteva che mancare il re degli chef: Giovanni Mangione, il quale come sempre ha dato dimostrazione della sua bravura trasformando il suo lavoro in una vera arte infatti dopo essersi deliziati del buffet insieme ai suoi collaboratori tra cui Pino Galletta, Roberto Piparo, Giovanni Lorenzo Montemaggiore  Venerino Mangione Samuele Mangione (figlio d’arte che già inizia ad entrare nel mondo del dolce), ha mostrato ai ragazzi della scuola come si realizza una vera scultura con le varie tecniche di zucchero ( zucchero tirato, zucchero soffiato, zucchero colato e pastigliaggio) lasciando tutti meravigliati da tanta abilità.
 
Calogero Longo
 
 

Giovanni Mangione

Scultura Giovanni Mangione