Chiazze rosse in mare, Capitaneria ed Asp: “sono banchi di piccole meduse”

Agrigento, «macchie rosse, prurito, bruciore» dopo il bagno in mare. Scoppia il caso, la Capitaneria : si tratta di banchi di meduse, fare attenzione.

AGRIGENTO – La Guardia Costiera è stata allertata a seguito di segnalazioni da parte di alcuni bagnanti, costretti ad uscire immediatamente dall’acqua quando hanno avvistato una sospettosa chiazza rossa. Alcuni bagnanti hanno lamentato anche un fastidioso prurito. I bagnanti hanno avvistato e fotografato quelle che descrivono come “chiazze rosso sangue”, il fatto si è verificato nella spiaggia di Maddalusa, litorale di Agrigento. Segnalazioni analoghe sono arrivate da varie spiagge di San Leone.

Il comandante della Capitaneria di porto di Porto Empedocle svela l’arcano:

 

Sono banchi di piccole meduse, si tratta di un fenomeno naturale – spiega il comandante della Capitaneria di Porto, Filippo Maria Parisi – . In ogni caso è consigliata la massima prudenza  perché  al contatto possono risultare altamente orticanti”. 

 

Inizialmente si era pensato ad uno sversamento in mare, ma uomini della Capitaneria di Porto, dopo aver esaminato foto e filmati ed essersi recati sul posto insieme ad operatori dell’ufficio igiene e profilassi della Asp, hanno svelato il fenomeno che probabilmente è dovuto all’innalzamento delle temperature dell’acqua. (GUARDA IL VIDEO)

Claudio Lombardo di MareAmico tuttavia non è soddisfatto e chiede intervento di Arpa e Asp insieme:

Il responsabile di MareAmico ha scritto una lettera ad Asp e Arpa per chiedere un esame scientifico:

Ieri mattina – si legge nella lettera di Lombardo – nel mare di San Leone si è verificata una situazione molto strana che ha preoccupato ed allertato i bagnanti presenti: intorno le ore 10,30 è comparsa una macchia rossa in mare a pochi metri dalla riva, evidente soprattutto in località Maddalusa (al confine tra il comune di Agrigento e quello di Porto Empedocle).
Alcuni di loro hanno avvertito pure fastidi alla pelle con pruriti al corpo ed arrossamenti cutanei.
Questi fastidi si sono ripetuti e registrati in mattinata in altre spiagge, causando la fuga dei bagnanti.
Mareamico ha allertato tutti gli Organi Competenti, al fine di accertare e scoprire la natura di tale fenomeno.

Sicuramente si tratta di meduse – dice Lombardo al nostro giornale – ho visto video simili anche in altre zone d’Italia, fatti analoghi si sono verificati a Gallipoli, l’innalzamento dell’acqua provoca questi fenomeni, tuttavia vorrei che Arpa ed Asp certificassero ed accertassero quanto sta accadendo nel nostro mare. Va ricordato – aggiunge Lombardo – che nei giorni scorsi una pallavolista ha rischiato seriamente per un contatto con le meduse”.

LEGGI ANCHE Agrigento, attaccata da meduse : pallavolista in ospedale.

FOTO SANDRO CANTANESE