Fondazione dei Carabinieri: Festa anche ad Agrigento

Fondazione dei Carabinieri: Festa anche ad Agrigento (FOTO Sandro Catanese)

di Eugenio Cairone

203 anni di gloriosa presenza nel territorio, dalle Metropoli ai più sperduti paesini di provincia. I carabinieri ci sono sempre e ovunque a tutela dei cittadini.

“Nei secoli fedele” e “Obbedir tacendo e tacendo morir”.

“Nei secoli fedele” è il motto della Benemerita’, “Obbedir tacendo…” è, invece, il motto che distingue gli appartenenti all’Arma.

Indossare la divisa di carabiniere è stato da sempre un prestigio vissuto da tantissimi giovani. L’Alta uniforme, con il Pennacchio, sono simboli che distinguono i carabinieri, uomini e donne, e non ci si stancherà mai di ringraziarli per il loro sacrificio quotidiano.

Anche in provincia di Agrigento l’Arma è stata particolarmente attiva riportando un notevole successo nella lotta alla malavita in genere con 502 arresti e 3984 denunce.

I dati sono stati riferiti dal comandante provinciale colonnello Mario Mettifogo.

Nel corso del 2016 si è puntato molto sulla prevenzione. Sicuramente preoccupante è l’incremento dello spaccio di stupefacenti nel capoluogo.

Dito puntato anche sull’omertà che da sempre è stata un’altra piaga del nostro tempo. Su questo fronte il lavoro dei carabinieri è stato anche quello di aiutare la gente a superare la paura.

Ad Agrigento è stata una Festa fatta in casa. La ricorrenza, infatti, è stata celebrate alla caserma “Biagio Pistone” sede del Comando provinciale alla presenza delle autorità locali e del prefetto di Agrigento Nicola Diomede.

Ad arricchire la cerimonia, come sempre, i carabinieri della sezione agrigentina con l’uniforme di ex appartenenti alla Benemerita guidati da Giuseppe La Mendola.

Eugenio Cairone

GUARDA ANCHE ELENCO RICONSCIMENTI CONSEGNATI