Campobello di Licata, Collocati in comunità due minori romeni

CAMPOBELLO DI LICATA. Sono stati collocati in comunità i due romeni arrestati assieme ad un minore di 14 anni di Ravanusa, (non imputabile), dai carabinieri di Campobello di Licata, per avere forzato un posto di blocco con un’auto risultata rubata che si è schiantata contro la saracinesca di un esercizio commerciale di via Vittorio Emanuele all’incrocio con via Marconi. I due romeni sono accusati di aver messo in pericolo la propria incolumità e quella dei militari dell’arma che stavano operando un posto di blocco. I Carabinieri sono riusciti a fermare gli occupanti del mezzo, una Peugeot 205 risultata rubata alcune ore prima a Ravanusa. Ingenti i danni provocati, sia all’auto sia all’esercizio commerciale. I due minori a bordo, dopo essere stati identificati, sono stati dichiarati in stato di arresto su disposizione dell’Autorità Giudiziaria con l’accusa di furto e danneggiamento aggravato. Uno dei due romeni è difeso di fiducia dall’avvocato Salvatore Manganello che ha ottenuto dal giudice dottoressa Puglisi, la scarcerazione del ragazzo ed il collocamento in comunità. Richiesta accolta anche dalla pubblica accusa rappresentata dal pubblico ministero dottor Guardì.