Bruciano due escavatori all’interno di un cantiere

Un incendio ha completamente distrutto un escavatore e una ruspa di proprietà di una ditta di Grotte, lasciati parcheggiati in un cantiere dopo dei lavori di sbancamento terra, effettuati sulla proprietà di un commerciante racalmutese. E’ accaduto all’alba, in contrada “Roveto” a Racalmuto, a ridosso della statale 640. Scattato l’allarme sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Canicattì, che hanno domato le fiamme, e i carabinieri della Compagnia di Canicattì, i quali, hanno avviato le indagini.

Le cause del rogo non sono chiare, e sono ancora in corso d’accertamento. L’ipotesi investigativa privilegiata sarebbe quella del rogo doloso. I militari dell’Arma avrebbero già sentito sia il titolare della ditta di Grotte, che il commerciante racalmutese. La Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo d’inchiesta a carico di ignoti. L’incendio ha provocato un danno di oltre 30 mila euro, non coperto da polizza assicurativa.