Bilancio previsionale 2017: Nuccia Palermo, vogliamo capire di chi sono le responsabilità dei ritardi

“Sospensione e successivo scioglimento. E’ questa la diffida nei confronti del Consiglio Comunale di Agrigento pervenuta da parte del commissario ad Acta, Turriciano, relativamente all’approvazione del bilancio previsionale 2017. Oltre al danno, insomma, la beffa!”

Esordisce così il consigliere comunale indipendente, Nuccia Palermo, alla vigilia della seduta comunale avente per Odg l’approvazione del bilancio previsionale 2017.

“L’art. 109/bis dell’O.R.EE.LL – commenta Nuccia Palermo – prevede non solo un intervento sostitutivo da parte del commissario ad acta qualora non venisse approvato il Bilancio di Previsione ma soprattutto prevede, secondo i commi 3 e 4 del citato articolo, l’applicazione di sanzioni, la sospensione ed il successivo scioglimento dell’intero consiglio comunale.”

“Insomma, spalle al muro per gli eletti della città che si ritrovano a dover votare un bilancio previsionale, il cui scopo originario doveva essere quello di poter permettere all’assise il controllo e l’indirizzo della spesa per l’anno successivo, a spesa già effettuata.”

“Qualcuno dovrà prendersi la responsabilità. – sottolinea Nuccia Palermo – Da una parte ringrazio il Presidente Catalano per essere riuscita a far portare il documento previsionale almeno entro il gong per l’approvazione in consiglio dall’altra parte non posso che bacchettare questa presidenza perchè ancor oggi dimostra di non riuscire a spingere affinchè i documenti contabili arrivino in consiglio nelle date corrette. La diffida pervenuta è la dimostrazione comunque di un fallimento”.

“Un documento contabile – conclude il Consigliere Comunale, Nuccia Palermo – accompagnato da numerose perplessità che gli stessi revisori contabili hanno messo nero su bianco all’interno del parere da loro dato. Spero, conclude, che la stampa sia presente durante la mattinata di domani perchè sia il documento che le tempistiche avute vanno analizzate e sviscerate comprese le responsabilità, qualora ci siano, del ritardo nell’arrivo in aula”.