Aumento dei gettoni di presenza: il caso approda alla Corte dei Conti

Il caso dei gettoni di presenza di 12 consiglieri comunali di Canicattì, aumentati di ben il 200 per cento, approda alla Corte dei Conti di Palermo. Si è già tenuta, infatti, la prima udienza nei loro confronti,  in carica nell’ottobre del 2003. Entro il mese, i giudici contabili emetteranno il loro giudizio sull’istruttoria compiuta dalla Procura della Corte dei conti. L’istruttoria avviata dai giudici contabili, all’inizio, aveva portato ad ipotizzare un danno erariale anche di 600 mila euro per i gettoni di presenza liquidati dall’ottobre 2013 fino al marzo 2014 e dal giugno 2006 fino all’estate 2014.

Gli avvocati difensori, richiamandosi anche a recenti sentenze della stessa Corte dei conti per la regione Sicilia, hanno chiesto di riconoscere l’assenza di responsabilità e l’insussistenza del danno erariale.  A riportare la notizia, il Giornale di Sicilia.