Aula bunker di Palermo intitolata a Falcone e Borsellino

L’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo adesso è intitolata ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Una targa che ricorda i due magistrati uccisi nel ’92 è stata scoperta all’ingresso dell’edificio che alla fine degli anni ’80 ospitò il primo grande Maxiprocesso a Cosa nostra, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Oltre a Mattarella erano presenti il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, il ministro della Giustizia Carlo Nordio, il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla. Il ricordo dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, da trent’anni ormai, resta indelebile nelle nostre coscienze e nei nostri cuori, nella consapevolezza che ciascuno deve fare la propria parte nel contrasto alla criminalità organizzata: politica, magistratura, forze dell’ordine e società civile, a partire dai nostri giovani. Per loro dobbiamo coltivare la memoria di quanti hanno sacrificato la vita per servire lo Stato”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, che ha partecipato alla cerimonia. “Quella di oggi– ha aggiunto – costituisce un ulteriore tassello per onorare non soltanto i giudici Falcone e Borsellino ma tutte le vittime di mafia”. “La lotta alla mafia – ha detto il presidente della Corte d’Appello di Palermo, Matteo Frasca- deve essere sempre al centro dell’agenda politica del governo e del Parlamento, della magistratura e della società civile. È necessario che ciascuno senza compromessi scelga da che parte stare con i fatti“. La cerimonia rientra nell’ambito della Giornata conclusiva dell’anno di commemorazione per il trentennale delle stragi di Capaci e Via D’Amelio ed è organizzata dall’Associazione Nazionale Magistrati, dalla Fondazione Progetto Legalità e dalla Fondazione Vittorio Occorsio.