Al via Kinéma alla Valle del Templi di Agrigento

Cinema, arte e cultura nel cuore della Sicilia classica, ai piedi del Tempio di Giunone, nel parco archeologico e paesaggistico più esteso del mondo, Patrimonio Culturale dell’Umanità, UNESCO. Ritorna il 18 e 19 agosto ad AgrigentoKinéma la rassegna della città dei templi che unisce in uno cartellone cinema e arti visive nell’accezione più ampia possibileProdotta da Qoomoon e Primaluce, con la direzione artistica di Leandro Picarella, e il sostegno del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi e del Comune di Agrigento, Kinéma torna quest’anno per firmare la sua seconda edizione con un programma di due giorni di proiezioni, talk e incontri, e la consueta ambizione di riunire in un luogo unico al mondo, protagonisti di rilevo internazionale della cultura contemporanea.  Sin dalla prima edizione tenuta a battesimo da Letizia Battaglia, gli ospiti sono infatti il fiore all’occhiello della rassegna. E anche quest’anno Kinéma non si smentisce a partire dal primo appuntamento di giovedì 18 agosto con un gigante del cinema italiano: Paolo Taviani, collegato da remoto per un incontro con il pubblico. Mentre sul palco della manifestazione, ancora una volta presentata dall’attrice amatissima dal grande pubblico Ester Pantano, s’incontreranno il regista Francesco Costabile, il talento di Fabrizio Ferracane, l’attrice esordiente rivelazione dell’anno Lina Siciliano, l’attore, scrittore e regista Corrado Fortuna e la giornalista cinematografica Ornella Sgroi. La sezione arti visive della rassegna è rappresentata da Ratigher, al secolo Francesco D’Erminio, fumettista e editore italiano di culto, al festival per presentare il progetto “Prima o mai” sulle nuove forme di produzione e distribuzione editoriale in collaborazione con Nero Editions, confermando Kinéma un luogo privilegiato per la sperimentazione; uno schermo sul Mediterraneo, a Sud del nostro tempo che offre uno spaccato ampio e variegato sui linguaggi del contemporaneo.

Ratigher apre il festival giovedì 18 agosto, per l’inaugurazione di Kinéma allo spazio Immagina Coworking di Agrigento con un incontro moderato da Andrea Saieva, giovane ricercatore agrigentino e membro del team di Immagina. A seguire ci si sposta al Teatro del Tempio di Giunone  per la prima proiezione del festival che è legata a doppio filo al territorio di Agrigento e alla figura del Premio Nobel Luigi Pirandello“Leonora addio”, del grande maestro del cinema italiano Paolo Taviani, segna l’esordio in solitaria del regista, a quattro anni di distanza dalla morte del fratello, raccontando la storia rocambolesca dell’avventura delle ceneri di Pirandello e il movimentato viaggio dell’urna da Roma ad Agrigento, fino alla tribolata sepoltura avvenuta dopo quindici anni dalla morte.

Un omaggio al grande drammaturgo del Novecento sullo sfondo dell’Italia post-bellica, ma anche un’intima ricognizione sul concetto di “perdita”, sul lutto, sull’invecchiamento, sull’impossibilità di accettare il distacco.  A chiudere la storia delle peregrinazioni delle ceneri dello scrittore, l’ultimo racconto di Pirandello scritto venti giorni prima di morire: “Il chiodo” dove il giovane Bastianeddu, strappato in Sicilia dalle braccia della madre e costretto a seguire il padre al di là dell’oceano, non riesce a sanare la ferita che lo spinge a un gesto insensato. Unico film italiano in competizione alla Berlinale 2022, dove ha conquistato il premio FIPRESCI -Fédération Internationale de la Presse Cinématographique- “Leonora addio”, sarà presentato dallo stesso regista in collegamento da remoto per salutare il pubblico di Kinèma, in un incontro moderato da Ornella Sgroi; mentre sul palcoscenico del festival sarà presente il protagonista Fabrizio Ferracane.

Venerdì 19 agosto approda al festival uno dei registi più interessanti dello scenario contemporaneo, Francesco Costabile, a Kinéma per introdurre l’ultimo suo film “Una Femmina” anch’esso presentato alla Berlinale 2022, nella sezione “Panorama”. Tratto dal libro inchiesta “Fimmini ribelli” di Lirio Abbate, il lungometraggio conduce gli spettatori in una Calabria arroccata al proprio passato ma dove una donna – l’attrice esordiente rivelazione dell’anno Lina Siciliano, giovane donna calabrese proprio come il suo personaggio –   trova la forza per ribellarsi a un destino già segnato. Uno sguardo visionario potente, quello di Costabile, che trova il proprio linguaggio, sicuramente non convenzionale, per raccontare una storia di presa di coscienza e necessità di ribellione.  I temi del film saranno lo spunto per una conversazione aperta alla partecipazione del pubblico, con il regista, l’attrice Lina SicilianoFabrizio Ferracane tra i protagonisti anche di “Una Femmina”, e Ornella Sgroi. Kinéma è un evento promosso dal Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento e realizzato da Qoomoon e Prima Luce con il patrocinio del Comune di Agrigento.