Akragas vanno via tutti tranne mister Di Napoli

E’ di pochi istanti fa la notizia della cessione di Carrillo. L’ottimo difensore centrale, da quello che si apprende, è passato alla Paganese. Così l’Akragas in totale disarmo ha praticamente perso tutti i pezzi migliori e nelle prossime ore andranno via anche Gomez, Pane e Zanini. Mi chiedo come può un allenatore non decidere di dimettersi. Quando è arrivato all’Akragas l’organico messogli a disposizione era totalmente diverso. Non dovrebbe essere il primo a ribellarsi alle cessioni in corso? Chiunque altro lo farebbe, ma Di Napoli, inspiegabilmente accetta anche questo. Si presenta in conferenza stampa e presenta la gara di sabato come fosse una partita qualsiasi.  In Sala stampa parla di Akragas in zona salvezza fino alla partita con la Vibonese. E adesso? Adesso Di Napoli annuncia di chiamare in rosa i giovani della beretti. Con il Fondi all’Esseneto sarà dura.

L’allenatore dell’Akragas, Raffaele Di Napoli presenta così la partita contro l’Unicusano Fondi in programma domani, sabato 28 gennaio, alle ore 14.30, allo stadio Esseneto di Agrigento:

“La crisi societaria può sicuramente riflettersi sulla squadra, ma noi dobbiamo cercare di andare avanti e lavorare sodo per onorare al meglio la maglia che indossiamo. I problemi della società tengono banco più che mai in queste ultime ore, ma noi siamo chiamati domani a compiere una vera impresa contro il Fondi. I giocatori che sono rimasti lotteranno per questi colori.

Forse sarò un folle, ma sono convinto che i problemi societari si risolveranno presto perché a capo della società vi sono persone responsabili che cercheranno, mi auguro, di salvare questa squadra.

Di una cosa sono sicuro: daremo battaglia al Fondi. E’ una partita che cercheremo di onorarla al massimo e cercheremo di fare risultato perché vogliamo regalarci e regalare una grande gioia ai tifosi, ed in particolare, a quelli della curva sud che come noi stanno soffrendo in questo periodo. Voglio fare un plauso ai ragazzi della curva che fanno tanti sacrifici per seguirci anche in trasferta e ci mettono tanta passione: questa è la parte bella del calcio. La mia soddisfazione è che i club che puntano alla vittoria del torneo ci richiedono i giocatori e, quindi, qualcosa di buono l’abbiamo fatta e la stiamo facendo, nonostante le tante critiche che ci piovono addosso.

Contro il Fondi punteremo sulla determinazione, sull’aggressività e sulla cattiveria agonistica. Vogliamo fare nostra la partita”. (DV)